Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il margine di solvibilità ed il risk based capital nel controllo della solvibilità delle imprese di assicurazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Il Margine di Solvibilità europeo 72 Perché si possa isolare nel bilancio dell’impresa d’assicurazione il Margine di Solvibilità effettivo (patrimonio libero), le direttive precisano la composizione del patrimonio netto e degli altri valori dell’attivo che possono farne parte. Questi sono 11 : A) elementi aventi natura patrimoniale: 1) il capitale sociale versato o il Fondo di garanzia nel caso di una mutua, 2) la metà dell’aliquota non versata del capitale sociale o del fondo di garanzia a condizione che sia stato versato almeno il 50% del capitale sociale o del fondo, 3) le riserve legali, le riserve statutarie o facoltative non destinate a copertura di specifici impegni o a rettifica di voci del passivo, 4) il Fondo di integrazione costituito in casi eccezionali attraverso la rivalutazione di cespiti dell’attivo, 5) gli utili riportati. B) altri elementi: 1) i crediti che la società di mutua assicurazione a contributo variabile hanno nei confronti dei soci per eventuali integrazioni dei contributi, sotto certi limiti di importo, 2) i prestiti subordinati fino ad un ammontare pari al 50% del margine di cui non più del 25% relativi a prestiti a scadenza fissa comunque postergati in caso di liquidazione a tutti gli altri creditori, 3) i titoli a durata indeterminata e altri strumenti finanziari fino al 50% del margine a concorrenza con i prestiti subordinati e purché vi sia il rispetto di alcune condizioni. 11 Di recente due direttive europee hanno modificato in parte i beni ammissibili a comporre il Margine di Solvibilità, per migliorare e rendere più mirato il sistema di solvibilità. Queste direttive sono: - direttiva 2002/12 del 5 marzo 2002 per le imprese di assicurazione vita - direttiva 2002/13 del 20 marzo 2002 (riprende un precedente orientamento dell’U.E. dell’ottobre 2000) per le imprese di assicurazione non vita. Delle modifiche di maggior rilievo se ne parlerà nel paragrafo 3.6 del presente capitolo.

Anteprima della Tesi di Alfredo Mokole

Anteprima della tesi: Il margine di solvibilità ed il risk based capital nel controllo della solvibilità delle imprese di assicurazione, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Bancarie, Finanziarie e Assicurative

Autore: Alfredo Mokole Contatta »

Composta da 259 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6140 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.