Skip to content

Vita quotidiana a Firenze nei mesi della Repubblica Sociale Italiana

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
17 parte piccoli scontri con la polizia, non accadde niente di grave. I cittadini, in generale, si comportarono correttamente e si limitarono ad esporre il tricolore e a mostrare in volto un limpido sorriso. Così, durante la mattinata del 26 luglio, come riporta la cronaca dei due quotidiani cittadini - ovvero la Nazione, diretta allora da Bruno Micheli, poi sostituito nello stesso periodo badogliano da Carlo Scarfoglio, e il Nuovo Giornale, diretto da Enrico Novelli (il famoso Yambo) - si notò un “fiorire di tricolori”, ma l'ordine pubblico venne perfettamente mantenuto. Da piazza Vittorio Emanuele partì un corteo che sfilò per le vie del centro. Venne chiesta la liberazione dei detenuti politici rinchiusi nel carcere delle Murate. Un altro corteo partì da Santa Croce e arrivò in via del Corso, dove, però, accorsero anche polizia e carabinieri per disperdere il piccolo gruppo di dimostranti e, in effetti, riuscirono nel loro intento. Anche in piazza San Marco si formò un assembramento di studenti sotto la Loggetta dell'Accademia delle Arti e del Disegno. I carabinieri intervennero anche qui e, dopo qualche scontro fisico, gli studenti se ne andarono. Qualcuno pensò anche di invadere le sedi del Nuovo Giornale e della Nazione in via Ricasoli, ma l'azione non andò in porto. Alla Galileo di viale Morgagni alcuni operai smisero di lavorare e si incontrarono in piazza Dalmazia, alcuni di essi salutarono con il pugno chiuso. Altri piccoli tafferugli ebbero luogo in Borgo Ognissanti e presso il Ponte alla Carraia. In alcuni punti della città vennero buttate giù insegne, targhe fasciste e busti del Duce. Di questi, l'episodio più importante fu quello che avvenne nell'atrio del Conservatorio Cherubini, dove fu appunto abbattuta una statua di Mussolini. All'evento 5 avrebbero partecipato anche due professori del Conservatorio, in particolare il maestro Enzo Borrella e niente meno che il professore Luigi Dallapiccola, compositore nato in Istria e trasferitosi nel '22 a Firenze, dove dal '34 deteneva la cattedra di pianoforte complementare presso il Conservatorio. Proprio Dallapiccola racconta nel libro “Firenze: dalle Giubbe Rosse 5 Cfr. ACS, documento emesso dal comando fiorentino della GNR il 25 febbraio ’44.
Anteprima della tesi: Vita quotidiana a Firenze nei mesi della Repubblica Sociale Italiana, Pagina 14

Preview dalla tesi:

Vita quotidiana a Firenze nei mesi della Repubblica Sociale Italiana

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Monica Pieraccini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Luigi Lotti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 344

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi