Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Vita quotidiana a Firenze nei mesi della Repubblica Sociale Italiana

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 emergenza”. In quel momento il movimento antifascista, seppure da minoranza, fu indiscutibile protagonista. Ad esso è dedicato il nono capitolo, nel quale sono sinteticamente riportati gli eventi salienti che hanno caratterizzato la lotta tra fascisti e partigiani (sono stati ricavati per la maggior parte, oltre che dai già citati libri di Francovich e di Marcolin, anche dal Fondo Micheletti e dal fondo dell’Archivio Centrale di Stato, Ministero dell’Interno, Divisione Affari Generali e Riservati 1943-‘45). Parlando del movimento antifascista non si può non associare ad esso la conseguente repressione da parte delle autorità e quindi la gestione della cosiddetta giustizia politica, con particolare riferimento al Tribunale Speciale, costituitosi nel febbraio ’44, sotto il controllo del generale Adami Rossi. Come per la giustizia ordinaria, anche per quella politica le fonti risultano essere molto scarse. Le notizie che si riportano sono ricavate quasi esclusivamente dal quotidiano fiorentino la Nazione. L’ultimo capitolo, il decimo, offre una panoramica sul modo in cui i fiorentini e le autorità rimaste in città affrontarono il passaggio del fronte. Sono i giorni più drammatici e quelli che sono stati più ampiamente trattati dagli studiosi. Se nella ricostruzione dell’arco temporale che va dalla fine di giugno alla fine di luglio ’44 ci vengono in aiuto i quotidiani cittadini, dopo la loro chiusura e dopo la fuga dei fascisti, le notizie ricavate provengono da tutti quei libri (e sono numerosi) che trattano la “battaglia di Firenze”. Tra di essi, oltre ai già citati, si ricordano - senza la presunzione di voler dare un giudizio di merito o di esaurire l’argomento - quelli che possono essere considerati più efficaci nel rendere l’atmosfera del momento, quali “La guerra finisce, la guerra continua” di Maria Luigia Guaita, “Firenze in guerra” di Ugo Cappelletti, “Ponti sull’Arno” di Orazio Barbieri, “La liberazione di Firenze” di Giovanni Frullini.

Anteprima della Tesi di Monica Pieraccini

Anteprima della tesi: Vita quotidiana a Firenze nei mesi della Repubblica Sociale Italiana, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Monica Pieraccini Contatta »

Composta da 344 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2230 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.