Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Associazioni e società medico-scientifiche in Piemonte: realtà congressuale e target strategico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione 1 INTRODUZIONE Il mercato dei congressi ha dimensioni e dinamiche tali da costituire uno dei segmenti più importanti, se non il più importante, del settore turistico italiano. L’elevato fatturato generato, la consistente spesa media dei congressisti, la fornitura di servizi ad alto valore aggiunto, la stagionalità fortemente complementare a quella del turismo vacanziero, lo caratterizzano e qualificano come il settore dotato di maggiore professionalità e capacità di produrre valore all’interno del comparto. Sempre più città di servizi, e sempre meno città industriale, il destino per Torino sembra obbligato, per fortuna, non solo per le continue crisi del settore automobilistico, quanto per la crescita reale del cosiddetto terzo settore. Un esempio tra i tanti è il mercato congressuale, il cui andamento in crescita esalta sempre più il ruolo di Torino quale polo per convention a livello sopranazionale. Lo confermano i dati e le analisi contenute nell'osservatorio (effettuato a cadenza semestrale) del mercato congressuale torinese voluto dal Torino Convention Bureau, il consorzio pubblico/privato di promozione nato nel 2000 e composto di 80 soci, in gran parte operatori privati. Secondo l'indagine condotta dal CESDI (Centro Studi e Documentazioni Internazionali), nel 2001 la città ha, infatti, ospitato 7.691 convegni (+8,4% rispetto al 2000), per un numero complessivo di 782.030 partecipanti e di 1.132.985 giornate di presenza congressuale. Ciò ha generato un giro d'affari stimato di almeno 220 milioni di euro (circa 425 miliardi di lire), che comprendono la spesa dei congressisti per iscrizione al convegno, pernottamento, ristorazione, trasporti, shopping, ecc. 1 1 Osservatorio permanente che ogni semestre, a cura del Cesdi, fotografa in dettaglio l’attività congressuale cittadina per il Torino Convention Bureau

Anteprima della Tesi di Elena Bruno

Anteprima della tesi: Associazioni e società medico-scientifiche in Piemonte: realtà congressuale e target strategico, Pagina 1

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Elena Bruno Contatta »

Composta da 115 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1840 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.