Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Empatia, pianto empatico e commozione: natura e processi della condivisione emotiva dalla vita reale alla sala cinematografica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

rifiuta l’idea che il film induca all’illusione che i fatti rappresentati sullo schermo siano reali e che lo spettatore abbia la sensazione di assistere realmente ai fatti. Se così fosse, se lo spettatore avesse l’illusione di fra parte pienamente del film, considerando che le emozioni hanno conseguenze comportamentali, allora avrebbe reazioni ben più forti di quelle che realmente ha. Per lo spettatore l’atto di simulazione è avere la credenza: “sembra” o “come se “. Noël Carroll in The Philosophy of Horror (1990) distingue tre visioni alternative del film come illusione che chiama “Teoria dell’Illusione” (Illusion Theory), “Teoria della Finzione” (Pretend Theory), e “Teoria del Pensiero” (Thought Theory). Carroll stesso adotta la Thought Theory mentre la teoria della simulazione di Currie corrisponde alla “teoria della finzione”. Secondo Carrollper rispondere emotivamente e con una certa intensità, allo spettatore basta “intrattenere” il pensiero di qualcosa. Se, per esempio, guardiamo un film horror noi, da spettatori non crediamo, a differenza dei personaggi del film, che certi mostri esistano: la nostra paura e disgusto sono piuttosto una risposta al semplice pensiero di tali mostri. Il film invita a mantenere nella mente il pensiero di ciò a cui effettivamente rispondiamo emotivamente, c'invita a considerare l’idea di tale oggetto. Naturalmente tale esperienza, si tratti d'illusione o simulazione, è favorita (Tan potrebbe dire "dipende") dall’abilità dell’immagine cinematografica di creare l’impressione di realtà all’interno della mente dello spettatore. Ma lo spettatore non è un “recipiente” passivo, bensì un attivo partecipante all’esperienza cinematografica, anzi, è un soggetto che usa tali immagini. I film ci permettono di esperire una sorta d’illusione (non nei termini radicali di Tan in cui l’immagine si sostituisce alla realtà ma come parvenza di realtà) grazie alla quale percepiamo il film come se fosse la realizzazione di un mondo reale, un mondo di esperienza e non una rappresentazione di esso.

Anteprima della Tesi di Carolina Marcos

Anteprima della tesi: Empatia, pianto empatico e commozione: natura e processi della condivisione emotiva dalla vita reale alla sala cinematografica, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Carolina Marcos Contatta »

Composta da 147 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 16193 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 28 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.