Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La gestione dei rischi operativi nelle aziende di credito - Linee evolutive nella prospettiva del ''Nuovo Accordo di Basilea''

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1. requisiti minimi di capitale Vengono introdotte riserve di capitale minimo anche a fronte del rischio operativo. E’ inoltre previsto che tutti i rischi possano essere quantificati dagli intermediari, se ciò è più vantaggioso in termini di minore assorbimento di patrimonio, utilizzando propri modelli interni anziché sulla base delle regole generali 17 . La ponderazione dei crediti, in particolare, diventa più articolata e precisa 18 , basandosi su rating espressi sia da fonti esterne sia, per banche che utilizzino metodi avanzati, da fonti interne (IRB: internal rating based approach). Il livello medio di capitalizzazione del sistema dovrebbe peraltro essere mantenuto. 17 Tale impostazione – oltre ad evitare la crescita di costi per la tenuta di molteplici sistemi di quantificazione dei rischi - impedisce che le autorità di vigilanza finiscano del tutto impropriamente per sostituirsi al management aziendale, la cui funzione è proprio quella di identificare, misurare e gestire le diverse categorie di rischio. Cfr SIRONI ANDREA, Gestione del rischio e allocazione del capitale nelle banche, Egea, Milano, 1996. 18 Uno dei problemi di maggior rilievo sollevati da questa impostazione - evidenziati da molti commentatori e dei quali il Comitato è consapevole - riguarda gli eventuali effetti negativi in termini di prociclità, ossia la possibilità che le norme possano accentuare tendenze negative dell’economia in conseguenza degli orientamenti cautelativi imposti alle banche; eccessiva espansione degli impieghi si avrebbe, al contrario, in presenza di cicli economici favorevoli. L’ultima versione della proposta del Comitato ha attenuato gli effetti prociclici (cfr BANCA D’ITALIA, Relazione del Governatore sull’esercizio 2001, Roma, 2002, pag. 305).

Anteprima della Tesi di Marco Caringi

Anteprima della tesi: La gestione dei rischi operativi nelle aziende di credito - Linee evolutive nella prospettiva del ''Nuovo Accordo di Basilea'', Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marco Caringi Contatta »

Composta da 180 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6132 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 38 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.