Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La gestione dei rischi operativi nelle aziende di credito - Linee evolutive nella prospettiva del ''Nuovo Accordo di Basilea''

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

e, via via, in gran parte del sistema - l’attenzione si è in un primo tempo rivolta verso i rischi di maggior rilievo, quello di mercato e quello creditizio, la cui natura, del resto, agevola l’approccio quantitativo. Notevole impulso in questa direzione – in un quadro caratterizzato dal crescente interesse per il problema della corretta allocazione del capitale nelle diverse unità aziendali, al fine di massimizzare il processo di creazione di valore - è stato conferito dalla disciplina introdotta, nella logica della vigilanza prudenziale, dalle diverse autorità nazionali di controllo; queste, sulla scia delle iniziative di coordinamento assunte a livello internazionale, hanno infatti legato alla dimensione dei rischi creditizi e di mercato la misura del capitale minimo che le banche debbono detenere. Nell’ambito di tali iniziative di coordinamento, ruolo assolutamente centrale è svolto, com’è noto, dal Comitato di Basilea, che appunto incentra sui coefficienti patrimoniali una significativa parte della propria attività di studio e di indirizzo. Dal 1999 il Comitato ha avviato un processo di revisione della disciplina in parola, concretatosi nella divulgazione di diversi documenti programmatici - sottoposti all’attenzione delle autorità di vigilanza ed all’industria bancaria per ricevere osservazioni - nei quali, tra l’altro, oltre a prevedere l’affinamento delle metodologie di valutazione dei rischi di credito e di mercato, si pone l’accento sugli “altri rischi” (other risks), suscettibili di gravare sull’equilibrio gestionale degli intermediari e perciò incidenti sulla dimensione del capitale richiesto; tale nuova categoria è stata poi circoscritta al concetto, peraltro piuttosto incerto, di “rischio operativo” (operational risk).

Anteprima della Tesi di Marco Caringi

Anteprima della tesi: La gestione dei rischi operativi nelle aziende di credito - Linee evolutive nella prospettiva del ''Nuovo Accordo di Basilea'', Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marco Caringi Contatta »

Composta da 180 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6132 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 38 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.