Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il danno ambientale: sistemi di valutazione metodi di ripristino

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

con sentenza del 15 aprile 1994. La motivazione della sentenza del giudice d’appello, chiarisce molto bene l’entità del problema: secondo la Corte, nel caso dedotto in giudizio, la prova del danno subito dalle parti si fonda in gran parte su fatti notori che non richiedono, come tali, una specifica dimostrazione. “Ciò deve essere detto − ha ritenuto il giudice − in particolare per quanto riguarda l’estensione su scala almeno (ma non solo) nazionale della sindrome di paura che ha umiliato e condizionato gli abitanti della (...) zona in quanto soggetti sanitariamente a rischio: in tal modo ciascuno dei soggetti coinvolti è stato posto di fronte all’angoscia di un rischio personale che non poteva essere neppure dissimulato davanti agli altri, ai quali si temeva potesse anzi procurare ulteriori danni”. Sindrome di paura, quindi, come principale fondamento del danno risarcibile, a conferma della risarcibilità del danno morale anche indipendentemente dalla sussistenza di un danno alla salute. E senza necessità di differenziare, anche dal punto di vista della quantificazione del danno, la situazione delle diverse parti attrici, dato che nella vertenza in esame, sempre secondo la Corte d’appello di Milano, si tratta di risarcire “la sofferenza morale che una qualsiasi persona fisica proverebbe, secondo nozioni di comune esperienza, sapendosi coinvolta, a seguito di un disastro, da un pericolo alla salute − all’attuale stadio di sviluppo della scienza ignoto nella sua natura e consistenza, ma non per questo meno preoccupante − che la costringerà a controlli periodici e la esporrà a sospetti timori di contagio”. Il ragionamento è dunque semplice: si tratta di danno risarcibile come conseguenza di un reato (nella specie disastro colposo), il cui fondamento va individuato nella situazione di angoscia e di disagio che, in base alla comune esperienza, è riconducibile a un evento come quello della nube di Seveso 10 . 10 C. Rapisarda Sassoon, op. cit., p. 26.

Anteprima della Tesi di Marco Lucio Giordano

Anteprima della tesi: Il danno ambientale: sistemi di valutazione metodi di ripristino, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marco Lucio Giordano Contatta »

Composta da 227 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6984 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.