Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Vecchie strutture e nuove funzioni per uno sviluppo autocentrato: le masserie di Ostuni (Br)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

personale e intenso, ha saputo trasformare su vaste contrade la nuda roccia in fitte colture legnose di vigneti, oliveti, mandorleti, agrumeti e altri frutteti (Colamonico, 1970). Prendendo in esame le indagini dell’Istituto Nazionale di Economia Agraria, risulta evidente, nelle linee generali, la prevalenza della proprietà coltivatrice sulla affittanza, con la maggiore diffusione di quest’ultima nella pianura del Tavoliere e nell’altopiano delle Murge rivolte al Mar Ionio, e con la prevalenza della proprietà coltivatrice nella larga fascia che si allunga dal Tavoliere meridionale a Leuca. Altra caratteristica da rilevare è la limitata presenza della colonia parziaria appoderata, segnalata specialmente in qualche zona del tavoliere e nella pianura messapica, di fronte alla larga diffusione della colonia parziaria non appoderata, rappresentata sia nelle varie parti delle Murge settentrionali e meridionali del Salento (Colamonico, 1970). Sotto il riguardo della utilizzazione del suolo, il territorio pugliese si presenta con varie tipologie di paesaggio agrario. Da una netta prevalenza dei cereali, nell’Alta Murgia si passa nelle maggior parte della regione al dominio delle colture arboree, vite e olivo in particolare : esse ricoprono un’area di oltre 700 mila ettari e costituiscono poco meno del 40% della superficie agraria e forestale di tutta la Puglia. Si riscontra inoltre la prevalenza degli agrumi nel tarantino, del tabacco e delle patate nel leccese (Inea, 1997). Nel tavoliere divenuto un punto di forza della daunia e della stessa Puglia, il grano, per lo più duro, occupa ancora una parte notevole

Anteprima della Tesi di Giuseppina Francioso

Anteprima della tesi: Vecchie strutture e nuove funzioni per uno sviluppo autocentrato: le masserie di Ostuni (Br), Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Giuseppina Francioso Contatta »

Composta da 197 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2236 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.