Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La disciplina del lavoro a tempo parziale: il d. lgs. n. 61 del 2000

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 Sotto questo punto di vista, il d. lgs. n. 61, interviene in maniera netta 5 , sancendo la necessità della scrittura a fini probatori, ed è significativo che la specificazione sia contenuta nell’articolo 8, intitolato “sanzioni”, a testimonianza del fatto che si è inteso colmare, anche in tal senso, una lacuna originaria di vari intendimenti. Ne scaturisce che la scrittura, assume rilevanza come “forma della prova e non forma dell’atto” , pertanto, la sua mancanza, “non determina la nullità dell’atto con le connesse conseguenze negative per il lavoratore, ma la sua valorizzazione e cioè la sua attitudine a porsi come momento genetico di una fattispecie contrattuale con contenuti più ampi e più idonei a consentire al lavoratore il conseguimento di un reddito esaustivamente conforme al principio costituzionale di sufficienza” 6 . Questo tipo di tutela, che peraltro è flessibile, poiché legata alla volontà del lavoratore, consente cioè allo stesso di agire per far dichiarare la sussistenza di un rapporto di lavoro a tempo pieno, ovvero, di continuare a svolgere un’attività a tempo parziale, in linea con il principio della volontarietà sancito dalla Direttiva comunitaria, quello comunque che viene inopinatamente salvaguardato rispetto alla 5 nel testo del decreto leggiamo testualmente:”il contratto di lavoro a tempo parziale è stipulato in forma scritta ai fini e per gli effetti di cui all’art.8, comma 1” [art. 2, comma 1], quindi: “nel contratto di lavoro a tempo parziale la forma scritta è richiesta a fini di prova […]”, [art. 8, comma 1]. 6 CENTOFANTI, “Il nuovo contratto di lavoro a tempo parziale: tipo generale e tipo a collocazione temporale elastica”, all. a Il lavoro nella giurisprudenza”, n.6/2000

Anteprima della Tesi di Donatello Grippo

Anteprima della tesi: La disciplina del lavoro a tempo parziale: il d. lgs. n. 61 del 2000, Pagina 9

Diploma di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Donatello Grippo Contatta »

Composta da 142 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2017 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.