Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo dell'organo di revisione negli enti locali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 “cultura dell’adempimento” ad una “cultura della valutazione e del risultato” 5 . Su questa direttiva concettuale si posiziona il decreto legislativo 30 luglio 1999, n.286 6 , il quale, traendo spunto dalla delega contenuta nell’art.11, comma 1, lettera c, della legge n.59/97, si innesta nel disegno globale di razionalizzazione organizzativa delle pubbliche amministrazioni 7 . La riforma dei controlli interni, apportata dal D.Lgs.n.286/99, si concretizza nell’ individuazione di quattro tipologie di verifiche e predispone i criteri minimali di incompatibilità tra le diverse funzioni, nell’intento di evitare la frequente commistione tra i controlli collaborativi ed i controlli repressivi. 5 A. Maccapani, Il nuovo ordinamento finanziario e contabile nel TUEL, Editrice ICA, 2001. 6 “Riordino e potenziamento dei meccanismi e degli strumenti di monitoraggio e di valutazione dei costi, dei rendimenti e dei risultati dell’attività svolta dalle pubbliche amministrazioni “. 7 M.Bellesia, Manuale di contabilità per gli enti locali, Editrice CEL, Terza edizione.

Anteprima della Tesi di Marianna Guadagno

Anteprima della tesi: Il ruolo dell'organo di revisione negli enti locali, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marianna Guadagno Contatta »

Composta da 111 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9794 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 43 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.