Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I bambini e l'advertising - La fruizione da parte dei bambini del messaggio pubblicitario

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

antropomorfica del mondo fisico. In questo stadio egli fa confusione tra nessi casuali e nessi causali (partecipazione magica), considera le cose come vive e dotate di intenzioni (animismo) e prodotte sempre e comunque da qualcuno (artificialismo). La partecipazione magica è infatti la tendenza a stabilire relazioni fra due esseri o due fenomeni, che vengono percepiti come parzialmente identici o come aventi una diretta influenza reciproca, anche se, in realtà, non hanno tra loro né contatto spaziale, né connessione causale dimostrabile. Ciò deriva, come si è detto, dall'egocentrismo del bambino: egli è infatti convinto che i suoi pensieri e la sua vo1ontà siano onnipotenti, ovvero in grado di poter ottenere qualunque cosa desideri. Questa sua convinzione nasce dal fatto che durante i primi mesi di vita bastava un pianto per attirare immediatamente le attenzioni della madre: in questa fase, però, egli prende atto dell’ esistenza di un mondo esteriore, poiché sperimenta un lasso temporale che intercorre tra i suoi bisogni e la soddisfazione degli stessi.L’animismo è invece la tendenza a considerare ogni oggetto come vivo e dotato d'intenzionalità: anche questo deriva dalla logica egocentrica, per cui il bambino attribuisce alla realtà esterna tutto ciò che sperimenta su se stesso. Quando non riesce a spiegarsi qualche fatto che accade nella realtà attorno a lui, ricorre a regole morali o sociali in grado di potergli fornire spiegazioni: ecco il motivo per cui anche un peluche può diventare "animato" nella mente di un bambino. L’artificialismo consiste, infine, nell’' assegnazione di una causa e di uno scopo precisi ma immaginari a ogni fenomeno: questo genere d'interpretazione della realtà tende a diminuire man mano che il bambino aumenta la sua conoscenza solo quando il bambino abbandona l’egocentrismo, arrivando a stabilire il confine tra se e il mondo, egli acquisisce la differenza tra i rapporti di natura causale e quelli di semplice somiglianza formale odi contiguità spaziale e temporale. Tra i cinque e i sette anni per Piaget, poco

Anteprima della Tesi di Denis Magro

Anteprima della tesi: I bambini e l'advertising - La fruizione da parte dei bambini del messaggio pubblicitario, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Denis Magro Contatta »

Composta da 111 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12048 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 40 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.