Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Don Giovan Battista Vegezzi (Laveno 1789-1858). Note storico-biografiche

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Fu autore di alcuni trattati teologici molto stimati, e morendo lasciò 6000 lire in legato per la fabbrica della nuova chiesa di Laveno, come narra il Cantù [....]. Brevi cenni biografici del Vegezzi furono pubblicati nel giornale di Milano: “ La Bilancia ” 26 sotto il numero 90 e 93 dell’anno 1858. Un fratelo di lui, Carlo Vegezzi, fu avvocato di molta riputazione in Milano.” 27 E) Il pamphlet “ pubblicato sotto lo pseudonimo di Demofilo Lombardo e intitolato: “ Il Seminario di Milano e gli Oblati ”, di chiara ispirazione liberale.” 28 Questo opuscolo, studiato dall’ Apeciti che lo dice posteriore al Marzo 1862, nel delineare la desolante situazione degli studi ecclesiastici dei seminari italiani del tempo nota invece che il Seminario di Milano: “ negli ultimi anni dell’Arcivescovo Gaisruck e nei primi di Romilli, di mezzo al generale deperimento degli studi teologici in Italia, parve un istante elevarsi come un’oasi nel deserto, [...] la letteratura indirizzata sugli ultimi lavori critici della Germania e dell’Italia, erasi messa sulla via larga e infinitamente feconda del 26 La Bilancia, periodico trisettimanale, iniziò a Milano nel 1850. Editori erano il Duca Tomaso Scotti e il Conte Luigi Confalonieri; il redattore era l’ing. Angelo Somazzi. Alla cessazione de “L’ Amico Cattolico” nell’ultimo numero del 1856, in data 1 Dicembre, a p. 500 il Redattore, Mons. P.A. Ballerini, suggerisce ai lettori l’abbonamento a “La Bilancia” : “ Giornale già grandemente benemerito non solo della civile società, ma anche della Chiesa, e che per più anni di seguito provò la sua stretta fedeltà a tutti i principii cattolici, potea meritarsi la piena fiducia anche degli ecclesiastici Pastori ”. Il giudizio invece che la censura dava della Bilancia non è molto lusinghiero “ giornale politico religioso con tendenza spiegata a favore del cattolicesimo assoluto e costituito in politica dominazione, gode quasi nessun suffragio nel pubblico, considerato essendo come organo di idee retrograde ”. Cfr. G. FERRARI, L’origine e gli scopi de “L’ Amico Cattolico” (1841-1856), in “i Quaderni della Brianza”, 94-95 (1994), Ediz.GR, Besana Brianza, pp.131-133. 27 V. DE VIT, Il Lago Maggiore Stresa e le isole Borromee. Notizie storiche colle vite degli uomini illustri dello stesso Lago, Vol. 2°, p.te 1 ^ , Prato 1876, pp. 449-450. 28 E. APECITI, Alcuni aspetti dell’episcopato di Luigi Nazari di Calabiana Arcivescovo di Milano (1867-1893), Archivio Ambrosiano LXVI, NED, Milano 1992, pp. 485-486.

Anteprima della Tesi di Paolo Bellintani

Anteprima della tesi: Don Giovan Battista Vegezzi (Laveno 1789-1858). Note storico-biografiche, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Teologia

Autore: Paolo Bellintani Contatta »

Composta da 185 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1711 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.