Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Don Giovan Battista Vegezzi (Laveno 1789-1858). Note storico-biografiche

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

definitore dei casi della Congregazione Plebana di Leggiuno; 12 docente dell’Istituto ecclesiastico di perfezionamento “Maria Immacolata”; 13 consigliere della Commissione per lo studio del Concordato; 14 consigliere del Tribunale Matrimoniale Metropolitano. 15 Come già accennato, non si può esaurirli tutti perchè qualsiasi ricostruzione delle tappe di una persona vissuta circa due secoli fa è necessariamente parziale. In questo mi conforta anche la lezione di un altro grande storico contemporaneo, il Marrou, il quale, scrivendo a proposito della conoscenza storica afferma : “ Più che accertare i fatti, a lui (cioè lo storico, n.d.r.) importa sopratutto comprenderli, e d’altronde gli avvenimenti che lo interessano rivelano nella maggior parte dei casi qualcosa di più sottile che non le semplici costatazioni materiali.” 16 12 APLeg., fald. 2, tit. 1°, Cart. 1.2.2., Congregazioni Plebane, nomina del 16.2.1849, [doc.N.8a.], e risposta di Mons.Turri, 17.5.1849 [doc.N.8.b]. Di rilievo i rapporti pastorali e di amicizia tra il Vegezzi, il clero della Pieve e il Preposto Vicario Foraneo di Leggiuno, [doc.N.8 del 7.1.1849] padre Giacomo Zanzi. Costui era nato a Gavirate, in Pieve di Besozzo nel 1806. Entrato negli Oblati dei SS.Ambrogio e Carlo fu dal 1828 coadiutore a Luvinate per due anni, quindi Parroco a S.Ambrogio Olona in Pieve di Varese per 13 anni. Nel 1843 è destinato come Preposto Parroco e Vicario Foraneo a Leggiuno fino alla morte sopravvenuta il 28 febbraio 1869. Su di Lui APLeg. faldone 2, titolo I°, cart. 1.2.2., Stato del Clero della Prepositurale Parochia e Pieve di Legiuno per l’anno 1848 ; anche S.AROSIO-F.COMINELLI-G.EFFIGIATI, La Parrocchiale di S. Stefano in Leggiuno antica chiesa Plebana e Prepositurale, Gemonio 1994, p.9. In APLegg., fald. 7, titolo I°, Santuario di S.ta Caterina, cart. 1.3.3. Autografi De Vit, è documentata la conoscenza tra lo Zanzi e il rosminiano Vincenzo De Vit con tre lettere inedite [doc.N.8c]. Lo Zanzi era in buoni rapporti anche con Rosmini, cfr. GF.RADICE, Rosmini e il clero ambrosiano, Archivio Ambrosiano, Milano 1964, vol. 3°, pp. 231; 242. 13 L. VANZULLI, Bartolomeo Carlo Romilli Arcivescovo di Milano. Un profilo politico-religioso (1847-1859) , NED, Milano 1997, pag.172. 14 Coll. Bevilacqua, lettera di nomina firmata dal Romilli, 13 Febbraio 1856, [doc.N.9]. 15 Coll. Bevilacqua, lettera di nomina firmata dal Ballerini, 12 Dicembre 1856, [doc.N.10]. 16 H. I. MARROU, La conoscenza storica, Il Mulino, Bologna 1988, p. 41.

Anteprima della Tesi di Paolo Bellintani

Anteprima della tesi: Don Giovan Battista Vegezzi (Laveno 1789-1858). Note storico-biografiche, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Teologia

Autore: Paolo Bellintani Contatta »

Composta da 185 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1711 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.