Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Rapporto di lavoro e lesione della dignità umana

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo I 12 autorità pubblica, ma anche all’ autorità privata, che in tal caso è ravvisabile nella figura dell’ imprenditore stesso. “Libertà” e “dignità umana” concorrono a formare nel loro insieme la garanzia unitaria della personalità umana, pur costituendo due distinti criteri di legittimazione degli interventi pubblici. Sulla base dell’una, infatti, si intende tutelare tutte le libertà costituzionali riconosciute ai singoli; sulla base dell’altra, invece, si mira a tutelare l’individuo umano sia nei confronti di tutti gli ostacoli che lo pregiudichino, privandolo della possibilità di determinare la propria personalità, sia proteggendolo in quegli specifici beni, quali il mantenimento di un livello umano di sussistenza per sé e per la propria famiglia o l’integrità della propria forza lavoro, che costituiscono la sua personalità di lavoratore. La Corte Costituzionale ha tutelato la dignità umana non in termini astratti, ma sempre con riferimento ad un particolare status che la persona si trova a ricoprire. Notevole è il numero di casi in cui la Corte ha preso in considerazione la dignità del lavoratore, in quanto si tratta dell’unica dignità di status che sia stata costituzionalmente razionalizzata e azionata, sia attraverso la tutela generale di cui all’ art.41, sia attraverso la tutela particolare di cui all’art. 36. Oltre che nella giurisprudenza costituzionale, anche nella giurisprudenza pretorile è stata fatta autonoma applicazione del principio costituzionale della dignità umana, ed emblematica in tal senso è la sentenza del Pretore di Bologna del 20 novembre 1990. Nel caso segnalato il pretore condannava l’impresa al risarcimento del danno morale subito dalla salute e dignità del lavoratore, senza fare però alcuna menzione della prima e indicando piuttosto soltanto il prezzo della lesione della seconda.: ciò che appare rimarchevole è quindi la mancata fruizione del principio di tutela della salute del lavoratore, in luogo della privilegiata applicazione diretta del diverso

Anteprima della Tesi di Valeria Mirco

Anteprima della tesi: Rapporto di lavoro e lesione della dignità umana, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Valeria Mirco Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12970 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 23 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.