Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Rapporto di lavoro e lesione della dignità umana

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 Nel capitolo l’accento è posto prevalentemente sulla questione, affrontata ampiamente dalla giurisprudenza, dei controlli occulti o esercitati in forme subdole, per es. attraverso l’utilizzazione di investigatori privati, dal datore di lavoro, nonché sulla liceità di quelle tecniche di indagine sulla personalità del lavoratore basate su test psico-attitudinali, analisi grafologiche o elementi astrologici, ed ancora sul problema dei rapporti tra tutela della riservatezza ed utilizzazione delle moderne tecnologie che consentono l’acquisizione, nonché l’elaborazione di un enorme numero di dati personali in modo potenzialmente lesivo del diritto alla privacy riconosciuto dalle legge n.675/’96 ad ogni individuo. Nel quarto ed ultimo capitolo, vengono infine trattate in modo più sintetico delle precedenti, ulteriori tematiche che rappresentano sostanzialmente ulteriori fattispecie di comportamenti datoriali lesivi della dignità e della personalità morale del lavoratore. Nel primo paragrafo, si tratta del licenziamento ingiurioso, che è tale quando offenda il decoro, la reputazione e la dignità del lavoratore. Si esamina in particolare la posizione della giurisprudenza circa la natura e la tipologia dei danni risarcibili a seguito dell’atto di recesso ingiurioso, e si descrivono gli sviluppi delle posizioni giurisprudenziali, attestati dal riconoscimento della risarcibilità dei danni morali, a prescindere dai riferimenti all’art.2059 c.c. Il secondo paragrafo, è invece dedicato alla tematica delle molestie sessuali, che rappresentano, purtroppo, una pratica spesso messa in atto non solo dal datore di lavoro, ma anche da colleghi, magari sovraordinati rispetto alla lavoratrice vittima della molestia, all’interno del luogo di lavoro. Anche in relazione a questa tematica, vengono prese in considerazione alcune significative pronunce giurisprudenziali, che, solo recentemente hanno riconosciuto alla lavoratrice il pieno risarcimento dei danni

Anteprima della Tesi di Valeria Mirco

Anteprima della tesi: Rapporto di lavoro e lesione della dignità umana, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Valeria Mirco Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12911 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 23 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.