Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Evoluzione tecnologica e organizzazione del lavoro alla Fiat Auto tra apogeo e crisi del fordismo (1971-1985)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 La soluzione a questi inconvenienti - «il guaio è che nessuno conosce con certezza le cause dell’assenteismo, dei ritardi, dell’insoddisfazione» - veniva suggerita nell’automazione integrale degli stabilimenti, «eliminando le vecchie linee di montaggio insieme a tutti i lavori più ripetitivi e parcellari». Veniva additato l’esempio dell’impianto di assemblaggio della General Motors sorto a Lordstown nell’Ohio, in una zona rurale, distante dai centri del conflitto indu- striale. Dalla pubblicistica aziendale veniva presentato come lo stabi- limento di Carrozzeria più automatizzato del mondo. L’utilizzo di 26 robots antropomorfi Unimate alla saldatura delle scocche era presenta- to come un chiaro rimedio contro l’insoddisfazione e l’assenteismo. Tuttavia anche questo doveva trasformarsi in un paradise lost 13 . In breve tempo anche Lordstown divenne un inferno delle relazioni indu- striali. Proprio quelle innovazioni divennero causa di conflitti acuti. L’aumento dei ritmi era impressionante: da 60 a 90 veicoli all’ora. La parcellizzazione delle mansioni raggiungeva limiti superabili soltanto da un’ulteriore ondata di automazione. Il fordismo raggiungeva il suo culmine riproducendo lo schema della frantumazione del lavoro e la successiva sostituzione dello stesso con macchine più o meno com- plesse. In realtà i robot di Lordstown funzionano secondo principi vecchi di qua- rant’anni: già nel 1931 Henry Ford descriveva la recente “macchina saldatrice au- tomatica” che faceva lo stesso lavoro (giunzione di parti in acciaio) di un essere umano,” eseguendo automaticamente dal principio alla fine l’intero ciclo di sal- datura” [Rothscild 1973, trad.it. 1974, 106] . 13 E’ il titolo del libro di Emma Rothschild ispirato da quegli avvenimeti.

Anteprima della Tesi di Marcello Scipioni

Anteprima della tesi: Evoluzione tecnologica e organizzazione del lavoro alla Fiat Auto tra apogeo e crisi del fordismo (1971-1985), Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Marcello Scipioni Contatta »

Composta da 178 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5356 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.