Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Acquisto e possesso di azioni proprie e della controllante: motivazioni e riflessi sul bilancio d'esercizio e consolidato

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

oppure da un disinvestimento aziendale, l�acquisto di azioni proprie pu� essere un mezzo idoneo a ridurre l�esuberanza dei mezzi monetari a disposizione della societ�. Nello stesso tempo l�acquisto di azioni proprie pu� avere un�influenza sull�equilibrio economico. � ovvio che quando si calcola il risultato economico di periodo, dovranno essere considerati anche i costi e i ricavi della gestione finanziaria. L�acquisto di azioni proprie, in quest�ottica, pu� essere idoneo nel caso, ad esempio, di eccessiva onerosit� dell�indebitamento o di presenza di componenti negativi generati dall�attivit� extracaratteristica, quando da esso � possibile ottenere, con la successiva rivendita dei propri titoli, una plusvalenza [derivante dalle oscillazioni di breve periodo (la societ� opera adottando un comportamento da speculatore), oppure da un investimento a lungo termine (l�impresa opera da cassettista)]. Sempre per questa teoria, poi, le azioni non hanno un valore pari a zero. Infatti questo fatto risulta evidente con riguardo alle quotate, in quanto le azioni proprie da esse possedute, possono essere vendute in qualunque momento sul mercato al valore rappresentato dalla quotazione giornaliera. Analoghe considerazioni, valgono per le non quotate (almeno per quelle medio�grandi), anche se la vendita, non essendoci un mercato ufficiale, pu� presentare maggiori problemi. Per tutto quello finora esposto, a nostro modesto avviso, � preferibile avvicinarsi alla seconda teoria, soprattutto quando si ha a che fare con societ� di dimensioni medio�grandi. Infatti un tal modo di ragionare � pi� confacente con le mutevoli dinamiche ambientali e di mercato riscontrabili nella realt� di fatto. Infatti considerare l�acquisto di azioni proprie come una semplice operazione di de�finanziamento fa perdere di vista le molteplici finalit� che una societ� pu� raggiungere con l�operazione in esame. � ovvio che accanto a manovre sulle azioni proprie

Anteprima della Tesi di Cristian Pietrini

Anteprima della tesi: Acquisto e possesso di azioni proprie e della controllante: motivazioni e riflessi sul bilancio d'esercizio e consolidato, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Cristian Pietrini Contatta »

Composta da 221 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9839 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.