Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Povertà: aspetti definitori, misure e principali indagini con particolare riferimento al contesto italiano

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Se la povertà viene definita (e misurata ) facendo riferimento alle condizioni di vita medie della società presa in esame, si ottengono risultati un po’ sorprendenti. Un paese complessivamente ritenuto povero può contenere una percentuale di poveri inferiore di quella contenuta da un paese ricco, così come in un paese complessivamente ricco possono essere considerate povere persone che in un altro paese, complessivamente povero non sarebbero ritenute tali. Un esempio estremo nasce dal confronto fra terzo mondo e Europa; anche all’interno della stessa Europa si verificano di fatto situazioni di questo tipo. La prima apparente incongruenza si spiega richiamando il collegamento tra povertà e disuguaglianza. La misura della diffusione della povertà è in realtà una misura dell’estensione della disuguaglianza. Un paese complessivamente povero, ma caratterizzato da una disuguaglianza molto ridotta avrà un tasso di povertà anch’esso molto ridotto perché una gran parte della popolazione vive in condizioni di vita che sono comprese entro un piccolo intervallo. All’opposto di un paese mediamente ricco che è percorso da una forte disuguaglianza si troverà ad avere un alto numero di poveri perché molte persone vivono in condizioni lontane dalla media, oltre la soglia di povertà. La seconda obiezione si risolve richiamando la definizione di povertà relativa e le ragioni per la quale essa è stata preferita a quella di povertà assoluta. E’ chiaro che un pensionato sociale in Italia ha un reddito più alto di un paria indiano, ma è ancora più chiaro che il nostro pensionato sociale deve vivere nell’Italia del duemila, circondato da persone che hanno il tenore medio di vita degl’italiani d’oggi mentre il paria indiano vive nel suo ambiente, immerso in una

Anteprima della Tesi di Andrea Musino Caradonna

Anteprima della tesi: Povertà: aspetti definitori, misure e principali indagini con particolare riferimento al contesto italiano, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Andrea Musino Caradonna Contatta »

Composta da 151 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9396 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 38 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.