Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sicurezza 'interna ed esterna' nello sviluppo dell'Unione Politica Europea

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

un meccanismo graduale e pragmatico 21 consistente nella messa in comune della produzione franco-tedesca di carbone e acciaio sotto la direzione di un’Alta Autorità indipendente a questo preposta. Fu questo il contenuto sostanziale della Dichiarazione Schuman pronunciata il 9 maggio 1950 al Quai d’Orsay previo assenso del cancelliere tedesco Adenauer da Bonn. Prima di analizzare le conseguenze più immediate scaturenti dal Piano Schuman, è necessario ai fini di questo studio fare alcune considerazioni sulla portata politica della Dichiarazione. All’inizio della stessa 22 vi è la constatazione primaria di come una Europa unita sia fondamentale per lo sviluppo di relazioni pacifiche tra le nazioni e che l’eliminazione della competizione storica tra Francia e Germania rappresenti un presupposto primario per l’edificazione di una Unione europea; è da questo spirito costruttivo che si evince come, concettualmente, un piano politico per l’Europa voleva essere nuovo: non solo una salvaguardia dell’equilibrio degli interessi delle nazioni europee ma la fusione di questi interessi per uno scopo più alto, appunto il bene collettivo, “Cooperation between nations, while essential, cannot alone meet our problem. What must be sought is a fusion of the interests of the European peoples and not merely another effort to maintain the equilibrium of those interests …’ 23 . Dunque il punto di partenza per la costruzione dell’Europa fu il riconoscimento dell’uguaglianza tra le nazioni europee. La Dichiarazione fissa poi altri principi fondamentali: 1. Non sarà un unico piano a guidare l’edificazione europea ma si avanzerà per conseguimenti concreti in modo da creare una solidarietà di fatto tra le nazioni; 2. Il piano è innanzitutto diretto a stabilire un intesa tra Francia e Germania ma è assolutamente aperto all’adesione di altri Stati europei; 3. Si agirà su un settore limitato ma decisivo: la produzione franco-tedesca di carbone e acciaio sarà messa sotto la guida di un’Alta Autorità composta da personalità indipendenti e le cui decisioni saranno vincolanti e applicabili sugli Stati Membri; 4. Tutto ciò contribuirà a migliorare la qualità della vita e a stabilire una Comunità Europea. 21 Nell’originale inglese della Dichiarazione Schuman: “Europe will not be made all at once, or according to a single plan. It will be built through concrete achievements which first create a de facto soli-darity.” Dichiarazione in P. FONTAINE, A new idea for Europe, The Schuman declaration 1950-2000, Bruxelles, 2000, p. 36-37 22 Secondo capoverso 23 J. MONNET, Memoirs, London, 1976, citato da FONTAINE, ivi, p. 17

Anteprima della Tesi di Marco Pala

Anteprima della tesi: Sicurezza 'interna ed esterna' nello sviluppo dell'Unione Politica Europea, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Marco Pala Contatta »

Composta da 223 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6198 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 27 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.