Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La gestione delle risorse umane e i sistemi Erp: il caso Oracle Hr

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Oracle HRMS 17 2.5 Implementazione dei flexfields descrittivi Come per i flexfields chiave, anche in questo caso prima di iniziare l’implementazione è necessario specificare i requisiti. Innanzi tutto è possibile definire due tipi di segmenti per i descriptive flexfields: • Segmenti globali: segmenti che appaiono sempre nella finestra del flexfield. • Segmenti sensibili al contesto: segmenti che appaiono o meno a seconda delle informazioni presenti nella maschera. Se sono presenti segmenti sensibili al contesto, il flexfield descrittivo richiede informazioni di contesto (un valore di contesto) che determina quali segmenti sensibili al contesto visualizzare. Un flexfield descrittivo può ottenere informazioni di contesto da un campo qualsiasi della maschera o da un campo speciale (un campo di contesto) incluso nella finestra popup del flexfield descrittivo. Se il flexfield descrittivo deriva le informazioni di contesto da un campo della maschera (sia visibile che nascosto per gli utenti), tale campo sarà denominato ‘campo di riferimento’ per il flexfield descrittivo. All'utente finale un campo di contesto appare come un normale segmento, completo del relativo prompt. Tuttavia, i campi di contesto si comportano diversamente dai normali segmenti del flexfield, sia globali che sensibili al contesto. Quando un utente inserisce un valore di contesto nel campo di contesto, a seconda del valore inserito verranno visualizzati segmenti sensibili al contesto diversi. È possibile definire diversamente anche un campo di contesto. Si utilizza un campo di contesto anziché un campo di riferimento se nessun campo della maschera è valido come campo di riferimento, oppure se si desidera che l'utente controlli direttamente quale segmento sensibile al contesto visualizzare. Un segmento sensibile al contesto appare solo dopo avere scelto le informazioni di contesto corrispondenti. I segmenti sensibili al contesto possono apparire immediatamente solo se le informazioni di contesto corrispondenti vengono derivate da un campo della maschera prima che l'utente passi al flexfield descrittivo. Il un flexfield descrittivo con segmenti sensibili al contesto, una "struttura" è rappresentata dai segmenti globali e dai segmenti sensibili al contesto di un particolare valore del campo di contesto. Infatti, una struttura è costituita da tutti i segmenti che, una volta scelta la struttura, appaiono contemporaneamente in una finestra popup.

Anteprima della Tesi di Cassio Izzo

Anteprima della tesi: La gestione delle risorse umane e i sistemi Erp: il caso Oracle Hr, Pagina 12

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Cassio Izzo Contatta »

Composta da 142 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6777 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.