Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Specie rare della malacofauna marina mediterranea

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 1 - INTRODUZIONE Il ruolo della malacofauna nella biologia della conservazione Il fine della moderna conservazione della natura è quello di impedire l'estinzione coatta di specie animali e/o vegetali, in seguito alla distruzione di ambienti. La biologia della conservazione è la risposta scientifica alla crisi di biodiversità causata dall'azione dell'uomo (Chemello et al., 2000). A partire dalla Convezione di Rio de Janeiro (giugno 1992), il termine "biodiversità" ha quasi assunto i connotati di una moda; esso indica la diversità globale di ciò che riguarda la vita, ovvero la ricchezza in habitat, in specie e in geni. In campo malacologico si può riassumere che la biodiversità comprende l'insieme delle specie viventi in un determinato comprensorio o in un dato ambiente naturale. Le ricerche che riguardano la biodiversità si basano su entità di riferimento (definite "descrittori") che possono consistere in specie, popolazioni o comunità. I Molluschi possono essere annoverati fra i migliori descrittori per i seguenti motivi: 1) rispondono con prontezza alle modificazioni del loro ambiente naturale (ad esempio con la scomparsa o il declino di specie, con variazioni nella loro abbondanza ecc.); 2) costituiscono il Phylum contenente il maggior numero di specie, secondo solo a quello degli Artropodi, e sono presenti in quasi tutti gli ecosistemi, quindi sono di fondamentale importanza nella formazione dei biota; 3) sono animali morfologicamente ed ecologicamente assai diversificati, che, in molti casi, rappresentano il gruppo dominante in termini di biomassa. La conservazione presuppone il mantenimento delle relazioni funzionali interspecifiche che assicurano il perpetuarsi della vita. La World Conservation Strategy (1980) dell'UNEP, la IUCN e il W.W.F. hanno proposto i seguenti obiettivi conservazionistici che possono coinvolgere anche il taxon dei Molluschi: a) mantenere i processi ecologici e i sistemi di supporto alla vita dai quali dipendono anche lo sviluppo e la sopravvivenza del genere umano;

Anteprima della Tesi di Alberto Bertelli

Anteprima della tesi: Specie rare della malacofauna marina mediterranea, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Alberto Bertelli Contatta »

Composta da 93 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1311 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.