Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Compressione object-based del segnale video mediante trasformata Wavelet

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO 1. CODIFICA VIDEO 9 Di conseguenza per poter confrontare le prestazioni di una tecnica di compres- sione lossy con un’altra, non e´ piu´ sufficiente il solo rapporto di compressione, ma bisogna confrontare anche quanta informazione si perde9. Sono quindi necessari dei parametri di qualita´. Un primo parametro molto usato e´ l’errore quadratico medio (Mean Square Error): MSE , E[(X − Xˆ)2] (1.6) che in ipotesi di ergodicita´ diventa MSE , E[(X − Xˆ)2] = 1 n n−1∑ i=0 (xi − xˆi)2 = εˆ2 (1.7) dove x rappresenta il segnale originale e xˆ il segnale ottenuto dopo il processo di compressione e decompressione. Naturalmente il solo MSE non e´ spesso signifi- cativo in quanto un errore puo´ avere peso diverso a seconda dell’ambito in cui ci si trova. Ad esempio e´ ovvio che un errore commesso su di una foto amatoriale non ha la stessa importanza di un errore commesso su una radiografia; inoltre, anche nello stesso ambito l’entita´ assoluta dell’errore non ha molto senso se non viene confrontata col valore del segnale di partenza. Non conta l’errore assolu- to ma l’errore relativo. In molti casi ha, quindi, piu´ senso utilizzare il rapporto segnale-rumore SNR: SNR , 10 log10 E[X2] E[(X − Xˆ)2] = 10 log10 E[X2] ε2 (1.8) In realta´ anche quest’ultimo parametro non e´ molto significativo: solo la sen- sibilita´ dell’utilizzatore fornisce il vero parametro di qualita´. Purtroppo, dato che tale sensibilita´ non e´ facile da modellizzare con un’equazione matematica, in letteratura vengono utilizzati i parametri precedenti o eventualmente delle loro varianti. Quantizzazione scalare Il cuore di qualunque operazione di compressione e´ la quantizzazione. Con quan- tizzazione si intende quel processo che trasforma un insieme di partenza piu´ gran- de (sia esso continuo o discreto), in un insieme discreto di dimensioni piu´ piccole. La corrispondenza e´ fatta in maniera tale da suddividere l’insieme di partenza in 9La perdita d’informazione, se si sta parlando di compressione d’immagine, si traduce in un peggioramento della qualita´ dell’immagine codificata.

Anteprima della Tesi di Stefano Giugliano

Anteprima della tesi: Compressione object-based del segnale video mediante trasformata Wavelet, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Stefano Giugliano Contatta »

Composta da 160 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2912 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.