Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

E-procurement per beni e servizi nella pubblica amministrazione: un'analisi di fattibilità nel settore sanitario

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Cap. I - La razionalizzazione degli acquisti di beni e servizi della P.A Dal 1996, il governo ha cominciato a studiare procedure che consentissero anche la riduzione diretta delle spese per beni e servizi, ma per trarre benefici da questo percorso, occorreva effettuare un’indagine conoscitiva sugli acquisti e sui contratti di locazione conclusi dalle Amministrazioni pubbliche. Dall’indagine, conclusa nel 1997, emerse la presenza di un effetto ratchet, (maggiore spesa = maggiore assegnazione di fondi) che provoca conseguenze distorsive e inefficienze constatate, la totale assenza di una programmazione dei fabbisogni, un’elevata variabilità dei prezzi pagati dalle amministrazioni per beni uguali o simili. Successivamente, furono emanati due provvedimenti di tipo organizzativo, con l’intento di snellire le procedure d’acquisto di beni e servizi. Il primo è il D. lg. 279/1997 di riforma della struttura del bilancio di previsione dello Stato, 7 il secondo provvedimento è il D. lg. 430/1997 che ha rivisto l’organizzazione del Ministero del Tesoro e ridefiniva il ruolo del Provveditorato Generale dello Stato, assegnandogli il compito di operare con l’intento di assicurare una gestione economica, efficiente e coordinata, degli acquisti di beni e servizi. I molteplici tentativi di ottimizzare le procedure d’acquisto, per ridurre la spesa e snellire i processi d’approvvigionamento, si sono rivelati, nella maggior parte dei casi inefficaci. Il sistema viene temperato con la finanziaria del 1998, che delega alle Regioni una certa autonomia, consentendole di stabilire modalità e limiti entro cui i direttori generali delle unità sanitarie locali, delegano i centri di costo delle AUSL, all’approvvigionamento di beni e servizi per i quali risulta inopportuno effettuare procedure unificate. 7 Tale decreto ripartisce il bilancio di previsione dello Stato in unità previsionali di base (UPB), la loro individuazione dipende dai singoli disegni di legge di bilancio dello Stato, con i quali si provvede ad eventuali modifiche o integrazioni rispetto alla classificazione dell’anno precedente.

Anteprima della Tesi di Silvia Giancristofaro

Anteprima della tesi: E-procurement per beni e servizi nella pubblica amministrazione: un'analisi di fattibilità nel settore sanitario, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Silvia Giancristofaro Contatta »

Composta da 266 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5670 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.