Autore e lettore a confronto: la doppia interpretazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 a quanto letto. Il risultato è un nuovo modo di vedere le cose, in questo caso una città. Questo capita proprio perché la nostra cultura ci permette di affrontare il mondo circostante in modo differente. Joyce, quando scrisse questi racconti, stava vivendo in un particolare periodo della sua vita. Era distante dalla sua patria e voleva dedicare alla sua città un’opera che trattasse dell’ospitalità, tipica del suo paese. Ma nell’opera pervade un senso di “paralisi” più che questo spirito di “ospitalità”. Ciò accade poiché, rifacendoci anche al pensiero di Wilhelm Dilthey, i fatti sociali si possono comprendere dal di dentro e riprodurre in noi, tenendo conto dei nostri stati, e intuendoli noi accompagniamo la rappresentazione del mondo storico grazie al gioco dei nostri affetti. Lo stato d’animo di Joyce è molto importante, perché su di esso si fonda la sua opera d’arte. Dilthey vuole dare al sapere storico autonomia rispetto sia alla metafisica sia alle scienze naturali; di qui la contrapposizione tra scienze della natura e scienze dello spirito: le prime volte allo studio di ciò che è esterno a noi, le seconde volte a studiare ciò che è interno a noi stessi. L’esperienza è il mezzo attraverso il quale riusciamo ad interiorizzare il mondo esterno, così che “il fuori” diventa un “di dentro”. Questo è uno spunto molto importante, perché ci porta a vedere l’interpretazione come un passaggio di informazioni dall’esterno all’interno.

Anteprima della Tesi di Laura Cianci

Anteprima della tesi: Autore e lettore a confronto: la doppia interpretazione, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Laura Cianci Contatta »

Composta da 178 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3644 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.