Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La giustizia locale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

John Rawls: Una teoria della giustizia Giustizia come equità «La giustizia è la prima virtù delle istituzioni sociali» 1 . Così come una teoria deve essere abbandonata se non è vera, allo stesso modo un sistema di leggi e istituzioni deve essere riformato o abolito se è ingiusto. L’unico motivo che ci permette di conservare una teoria erronea è la mancanza di una teoria migliore. La società è un’impresa per il reciproco vantaggio ma in essa convivono conflitto ed identità di interessi: c’è identità di interessi perché la cooperazione consente a tutti una vita migliore; esiste un conflitto dal momento che le persone sono direttamente interessate al modo in cui vengono distribuiti i prodotti della loro collaborazione. Serve quindi un insieme di principi per scegliere tra i vari assetti sociali che determinano questa divisione dei vantaggi. Questi principi sono i principi della giustizia sociale: essi forniscono un metodo di divisione dei diritti e dei doveri fondamentali all’interno delle istituzioni sociali, e definiscono la distribuzione dei benefici e degli oneri della cooperazione. Diciamo che una società è bene-ordinata quando: 1) ognuno accetta e sa che gli altri accettano i medesimi principi di giustizia e 2) le istituzioni fondamentali della società soddisfano generalmente, e in modo riconosciuto, questi principi. Si può considerare il concetto di giustizia come ciò che le diverse concezioni di giustizia hanno in comune: coloro che sostengono diverse concezioni di giustizia possono ancora essere d’accordo sulla necessità di uno specifico insieme di principi che assegnino diritti e doveri fondamentali. La struttura fondamentale della società, cioè il modo in cui le istituzioni maggiori distribuiscono i diritti e i doveri fondamentali e suddividono i benefici della cooperazione, è l’oggetto principale della giustizia. La struttura include differenti posizioni sociali, cioè porta inevitabilmente con sé un certo grado di ineguaglianza; poiché uomini nati in differenti posizioni sociali hanno differenti aspettative di vita, è a queste ineguaglianze che devono essere applicati i principi della giustizia sociale. Questi principi regolano anche la scelta di una

Anteprima della Tesi di Elisabetta Triola

Anteprima della tesi: La giustizia locale, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Elisabetta Triola Contatta »

Composta da 175 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1740 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.