Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fondazioni bancarie e attività culturali. Il caso Fondazione Cassamarca di Treviso

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

popolarità, legata per lo più alla crisi ed alla riorganizzazione interna dei sistemi di Welfare europei ed alla constatazione che una grande parte di beni e servizi di pubblica utilità venivano erogati da organizzazioni private a finalità sociale. Attualmente in Italia si utilizzano anche altri termini 4 , quali: terzo settore, terzo sistema, privato sociale, terza dimensione, azione volontaria, così come all’estero i termini che hanno conosciuto maggiore popolarità sono quelli di: nonprofit sector (settore senza scopo di lucro); économie sociale (economia sociale); philantrophic sector (settore filantropico); informal sector (settore informale); independent sector (settore indipendente); voluntary sector (settore volontario). E’ interessante notare come ciascuno di questi termini enfatizzi ed ampli uno o più aspetti che si ritengono essere distintivi di questo settore. La difficoltà di definire e delimitare il settore nonprofit non è un "problema" solo italiano, dato che un po’ ovunque ci si è scontrati con la difficoltà di definire un universo di organizzazioni, di natura giuridica privata e finalità di "pubblica utilità", dotate di forme organizzative, culture e logiche d’azione diverse tra loro. Negli anni, inoltre, si è cercato di spiegare cosa spingesse un singolo o un gruppo di persone ad organizzare una sorta di comunità nella comunità, allo scopo di soddisfare finalità o ideali condivisi. Come accade spesso in questi casi, varie categorie di esperti si sono interrogate a riguardo: economisti, politologi, sociologi. La risposta dagli economisti 5 consta sostanzialmente di due tesi: la prima afferma che le organizzazioni nonprofit soddisfano i bisogni eterogenei cui lo Stato non risponde in quanto operante sulla base di un "elettore mediano"; la seconda punta sulla loro maggiore affidabilità, dovuta alla loro caratteristica di non perseguire un utile bensì la soddisfazione una data necessità. 4 Si confronti il sito www.arci.it, in Terzo settore in pillole 5 Si confronti I finanziamenti privati al nonprofit in Italia: ruolo ed evoluzione degli intermediari finanziari e orientamento verso una banca etica di Monica Salvato, Venezia 1996.

Anteprima della Tesi di Arianna Miazzo

Anteprima della tesi: Fondazioni bancarie e attività culturali. Il caso Fondazione Cassamarca di Treviso, Pagina 3

Laurea liv.I

Facoltà: Economia e conservazione dei beni culturali

Autore: Arianna Miazzo Contatta »

Composta da 221 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5011 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.