Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fondazioni bancarie e attività culturali. Il caso Fondazione Cassamarca di Treviso

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

tributario, dall'impresa, in quanto non hanno come obiettivo prevalente la remunerazione dei fattori produttivi in base alle logiche del mercato 9 . Essi, dal punto di vista economico-aziendale, presentano le seguenti peculiarità : 1) si configurano come soggetto economico privato. La natura giuridica privata implica l'indipendenza dallo Stato. Le organizzazioni in oggetto devono avere legalmente natura privata, devono, cioè, avere la facoltà di esprimere il proprio gruppo dirigente e la capacità di impiegare le proprie risorse economico- finanziarie per il perseguimento dei fini statutari (convenzionalmente si possono far rientrare nel settore alcuni enti ibridi, né completamente privati, né completamente pubblici in funzione del tipo di attività esercitata); 2) costituzione formale. Un'organizzazione è formalmente costituita nel momento in cui viene percepita e vissuta come "istituzione" e non come mero gruppo di individui. Fondamentale è la presenza di uno statuto, di un atto costitutivo o di un altro documento che codifichi i “cardini” dell’istituzione, dall'accesso dei membri, alla loro condotta, agli scopi prefissati; regolando, in tal modo, la consistenza organizzativa dell'istituzione e garantendo la sua stabilità nel tempo. Questo primo criterio crea, evidentemente, una prima classificazione, in quanto sancisce un livello minimo di organizzazione e formalizzazione per accedere al terzo settore; 3) autogoverno. L'organizzazione deve, in altre parole, disporre di proprie procedure di governo e non venire controllata da entità esterne. Contemporaneamente deve essere in grado di offrire garanzie di democraticità e visibilità; 4) assenza di distribuzione di utili di esercizio. Ciò non vieta di ottenere un utile di esercizio, un ricavo economico-finanziario, un 9 Si confronti il Documento di presentazione di un sistema rappresentativo dei risultati di sintesi delle organizzazioni nonprofit, realizzato nel febbraio 2001 dalla Commissione aziende nonprofit, istituita e formata dal Consiglio Nazionale dottori commercialisti, e Economia aziendale, di G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda, edizione Il Mulino, Milano, 1994.

Anteprima della Tesi di Arianna Miazzo

Anteprima della tesi: Fondazioni bancarie e attività culturali. Il caso Fondazione Cassamarca di Treviso, Pagina 9

Laurea liv.I

Facoltà: Economia e conservazione dei beni culturali

Autore: Arianna Miazzo Contatta »

Composta da 221 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5011 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.