Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il concetto di guerra in Graziano e Tommaso d'Aquino

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

stessi uomini di chiesa, dall’altra con la parola di Dio contenuta nell’Antico Testamento e con il messaggio evangelico di Cristo. Mia intenzione non è certo quella di difendere la religione islamica, rivalutandone i caratteri pacifici contro il suo presunto carattere bellicoso, dal momento che questa indagine presupporrebbe la conoscenza dei testi in lingua araba nonché della cultura islamica; il punto di partenza per lo studio del concetto di guerra rimane quello del pensiero cristiano occidentale, mediato dai testi in lingua latina dei due autori in esame, che riportassero una riflessione, una considerazione sul tema dei conflitti armati, o semplicemente una citazione del termine bellum che potesse immettersi in un discorso teorico generale. Un prezioso aiuto mi è stato fornito dagli indici delle concordanze del Decretum e delle opere di Tommaso d’Aquino, indici che mi hanno proposto una lunga serie di luoghi in cui comparisse la parola bellum, dai quali sono stati ovviamente esclusi quei passi non significativi per un discorso generale. Entrambi gli autori presi in esame, pur nella diversità delle esperienze personali, erano parte integrante dell’ordinamento ecclesiastico della chiesa occidentale, uno nell’odine dei camaldolesi, l’altro nei domenicani, e svolsero un’attività per così dire militante come teologi e come sistematori del pensiero cristiano nell’ambito del diritto e della filosofia: di conseguenza era usuale che si servissero, nelle loro speculazioni dottrinali, oltre che delle opere precedenti dei Padri della Chiesa, soprattutto delle Sacre Scritture, fonte prima di ogni riflessione, che talvolta citavano a memoria, eventualità non infrequente nel periodo medioevale, come provano le scorrettezze nel riportare le parole dal passo originale. Ho ritenuto opportuno dunque in primo luogo verificare caso per caso la correttezza della citazione evangelica o patristica, restituendone il testo autentico; in secondo luogo mi è parso utile avviare l’indagine del concetto di guerra in Graziano e Tommaso d’Aquino premettendo una

Anteprima della Tesi di Elisa Zanoli

Anteprima della tesi: Il concetto di guerra in Graziano e Tommaso d'Aquino, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Elisa Zanoli Contatta »

Composta da 210 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3082 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.