Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il venture capital per lo sviluppo delle imprese: il caso Novuspharma s.p.a.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

19 Capitolo1: venture capital e capitale di rischio nelle imprese Secondo l’European Venture Capital Association (EVCA), 12 il venture capital si contraddistingue per: • il finanziamento effettuato tramite capitale proprio con un’ottica di lungo termine per dare vita e/o sviluppare l’attività di piccole e medie imprese aventi elevati margini di crescita in termini di quote di mercato e di redditività, ma al tempo stesso, contraddistinte da elevati rischi; • il raggiungimento in un arco temporale medio-lungo (5-10 anni) di una remunerazione economica a fronte dei rischi assunti, attraverso la cessione delle quote di partecipazione sottoscritte; • l’acquisizione di titoli in società non quotate ma destinate a espandersi, così da poter svolger il ruolo di sponsor 13 in caso di accesso ad un mercato regolamentato; • l’offerta al management delle imprese di servizi di consulenza. Secondo l’Associazione Italiana degli Investitori Istituzionali nel Capitale di Rischio (AIFI), 14 a differenza dell’EVCA, non fornisce una definizione dell’attività di venture capital, bensì focalizza la propria attenzione sulla natura degli intermediari. Definisce come investitori istituzionali nel capitale di rischio “gli operatori che, attraverso l’utilizzo di disponibilità proprie o di terzi, inclusi i fondi chiusi, stabilmente e professionalmente fanno investimenti in aziende sottoforma di capitale di rischio, attraverso l’assunzione, la gestione e lo smobilizzo di partecipazioni prevalentemente in società non quotate, con un attivo coinvolgimento nello sviluppo delle aziende partecipate”. 12 EVCA, “Venture capital fund structure”, opera citata. 13 Al momento della presentazione della domanda d’ammissione l’impresa high growth quotanda deve desinare un intermediario che funge da sponsor (sponsorship), che può avere anche la funzione di specialist (dopo l’ammissione) per assicurare liquidità al titolo. L’intervento di un intermediario dalla professionalità accertata aiuta l’impresa nel processo di spersonalizzazione e di cambiamento di cultura che la quotazione comporta per ridurre l’asimmetria informativa, fungendo, nell’ottica della teoria dei mercati sottili, da “meccanismo integratore” volto a diminuire l’incertezza nella stima del valore di equilibrio (fair value). Dopo, il suo ruolo va avanti, impegnandosi ad esporre continuamente proposte in acquisto e vendita (market making). 14 AIFI, “Capitali per lo sviluppo”, opera citata.

Anteprima della Tesi di Marianna Orassi

Anteprima della tesi: Il venture capital per lo sviluppo delle imprese: il caso Novuspharma s.p.a., Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marianna Orassi Contatta »

Composta da 264 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6263 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 33 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.