Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il venture capital per lo sviluppo delle imprese: il caso Novuspharma s.p.a.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 Una visione d’insieme: analisi delle principali variabili macroeconomiche Trainati dall’onda del successo esplosivo d’alcune iniziative e annebbiati dall’occasione che il “momento d’oro” fosse arrivato per tutti, a portata di mano, con una crescita infinita, moltissimi investitori hanno impiegato tutte le loro risorse in questa nuova filosofia di business, confidando nei rapidi e elevatissimi guadagni che si potevano trarre. L’epicentro della “new economy” è localizzato negli Stati Uniti, dove è stato raggiunto il massimo sviluppo sia in termini dimensionali che d’innovazione. Negli Stati Uniti si è assistito, per un prolungato periodo di oltre cinque anni, ad una costante ed elevata crescita del PIL, dell’occupazione e delle quotazioni dei mercati finanziari, mentre il tasso d’inflazione rimaneva pressoché invariato, anche in virtù dell’aumento di produttività derivante dalla diffusione delle nuove tecnologie in ogni settore produttivo. Ed è proprio in questo Paese che si sono registrati, con maggiore intensità, gli effetti negativi della “bolla speculativa” legata ai titoli tecnologici, che, se inseriti in un contesto generale caratterizzato da alcuni gravi episodi, non necessariamente a ciò connessi, ne hanno contribuito l’accentuarsi e il diffondersi in tutto il mondo. Tornando ai giorni nostri, mi sono chiesta: chi ha finanziato la new economy? Ed è davvero una nuova economia nel senso letterale del termine, o come penso, è un’economia come tutte le altre, che ha aperto sì nuove frontiere, ma è anche caratterizzata da limiti? Il protagonista degli ultimi anni non sono state le banche, lo Stato o le grandi imprese, che pure vi hanno concorso, ma il venture capital. Ed è proprio sul venture capital, a conclusione del percorso dei miei studi economici, che ho deciso di condurre le mie analisi sviluppando questa tesi di laurea. Gli alti rendimenti conseguiti nell’ultima decade dal venture capital, sia statunitense sia europeo, hanno attratto l’attenzione di investitori, imprese, economisti e ricercatori.

Anteprima della Tesi di Marianna Orassi

Anteprima della tesi: Il venture capital per lo sviluppo delle imprese: il caso Novuspharma s.p.a., Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marianna Orassi Contatta »

Composta da 264 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6263 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 33 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.