Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il venture capital per lo sviluppo delle imprese: il caso Novuspharma s.p.a.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 Una visione d’insieme: analisi delle principali variabili macroeconomiche di fusione e acquisizione a livello mondiale a partire dalla fine degli anni Novanta, mostrando la forte dipendenza del mercato europeo da quello americano. Purtroppo i miglioramenti d’alcune imprese, per ciò che riguarda le prospettive di crescita, rimangono inferiori rispetto al numero dei fallimenti che risulta ancora elevato: la maggiore ragione di questo fenomeno è allacciata al peggioramento della qualità del credito dei finanziamenti bancari e all’incapacità di far fronte agli impegni presi nel breve termine 3 . Se analizziamo l’andamento dei titoli azionari del settore tecnologico misurati dall’indice Dow Jones Euro Stoxx (31 dicembre 2001-6 novembre 2002) 4 , le discese nel settore delle telecomunicazioni sono state pari al -33 per cento, insieme al comparto alta tecnologia (high tech), -43,6 per cento, i settori assicurativo, -45,3 per cento e bancario, -23,5 per cento. Secondo l’opinione di alcuni economisti, è di fondamentale importanza che i Governi attuano con determinazione il programma di riforme strutturali relative sia al bilancio pubblico, dal lato delle entrate e della spesa, sia ai mercati dei beni e servizi e del lavoro per rafforzare la crescita del prodotto potenziale nel medio periodo. Al tempo stesso, la pronta realizzazione delle riforme strutturali contribuirebbe a migliorare il clima di fiducia all’interno dell’area, favorendo quindi anche l’espansione economica a breve termine. A questo proposito, il 12 dicembre 2002 durante il vertice di Copenhagen, l’Unione Europea ha annunciato ufficialmente una nuova rivoluzione: il primo maggio 2004 ai 15 Paesi membri se n’aggiungeranno ben 10, facenti parte dell’Europa centrale e due isole nel Mediterraneo, per un totale di 25 Paesi. Si apriranno nuove frontiere e nuove opportunità di sviluppo, anche se la strada per questi paesi è ancora irta. 3 OECD, “Financial market trend”, opera citata. 4 Banca Centrale Europea, opera citata.

Anteprima della Tesi di Marianna Orassi

Anteprima della tesi: Il venture capital per lo sviluppo delle imprese: il caso Novuspharma s.p.a., Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marianna Orassi Contatta »

Composta da 264 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6265 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 33 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.