Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I disastri ambientali sui media: il caso delle petroliere (1976-2001)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 5. Cenni di storia del giornalismo italiano dal 1976 a oggi Gli anni Settanta, in merito all’ambiente giornalistico, sono definiti da Paolo Murialdi 5 un “decennio tumultuoso e drammatico”: è il periodo della crisi del sistema di potere democristiano, della strategia del terrore, dell’incremento di potere e visibilità delle ali estreme della politica extraparlamentare e dei fermenti che agitano la società civile. Si respira un’aria di scontro e i quotidiani d’informazione sono il terreno privilegiato della lotta per il potere. I primi Settanta sono del resto anche gli anni della crisi finanziaria dei quotidiani, cui si cerca di porre rimedio con un provvedimento legislativo che costringe la “carta stampata” a bussare spesso alla porta di governo e Parlamento. In sostanza la carta stampata è debole ma ha potere, dipende economicamente dal “Palazzo” ma è per esso fondamentale. 5.1. Anni Settanta: fra campanile e Palazzo L’arrivo al “Corriere della sera” di Piero Ottone è un evento significativo dell’aumento di indipendenza dei quotidiani dal controllo esercitato dai “potenti”: questo nuovo corso è fondato su di un atteggiamento liberal, sull’abbandono del tradizionale fiancheggiamento della Dc e sulla cessazione dell’ostilità aprioristica nei confronti del Pci. Il quotidiano della Fiat “La Stampa”, storicamente vicino al partito di Andreotti, segue la strada intrapresa dal “Corriere” accogliendo nuovi lettori di tendenze più progressiste e perdendo parte del nocciolo duro conservatore. La “linea Ottone”, oltre ai proseliti, produce anche oppositori, primo fra tutti Indro Montanelli che abbandonerà il quotidiano per fondarne uno proprio. “Il Giornale nuovo” fa il suo esordio in edicola il 25 giugno 1974: è “l’anti- Corriere” per eccellenza, “un foglio che è quasi un partito, diretto da un giornalista carismatico” 6 , dedicato a quanti considerino il direttore del “Corriere della sera” e Arrigo Levi, a capo della “Stampa”, degli eversori e a quanti temano che il partito comunista prenda il sopravvento all’interno del compromesso con la Dc in crisi. La componente politica intride le fondamenta stesse della testata che, ricordiamolo, 5 Cfr. Murialdi, P., 1996, Storia del giornalismo italiano, Bologna, il Mulino

Anteprima della Tesi di Stefano Origlia

Anteprima della tesi: I disastri ambientali sui media: il caso delle petroliere (1976-2001), Pagina 8

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo

Autore: Stefano Origlia Contatta »

Composta da 104 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3982 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.