Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il dialogo sui diritti umani tra l'Islam europeo e l'Europa della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 § 2. Il problema della comunicazione interculturale Quando parliamo di necessità della relazione umana ci riferiamo a uno statuto ontologico dell’essere umano che, in quanto tale, nasce e si forma con una insopprimibile propensione verso l’altro da sé. La comunicazione è proprio questa abilità che l’uomo sviluppa a partire da un bisogno. Parlare di bisogni non significa fare astrazione ma è un chiaro riferimento a una realtà concreta. I bisogni condivisi sono il punto di partenza per la costituzione di ogni gruppo umano: non c’è gruppo se non c’è condivisione di necessità e/o di obiettivi. I gruppi si aggregano intorno a bisogni comuni. La comunicazione diventa il veicolo per la realizzazione di tali comuni istanze. Se ogni gruppo si identifica attraverso il riconoscimento di un proprio codice, elaborato al fine di una regolamentazione del comportamento comune e alla soddisfazione di comuni necessità, 5 riconoscerà come diverso un gruppo con un altro codice e come tale non lo riterrà funzionale alla realizzazione dei propri bisogni: da qui l’indifferenza o, nel caso di bisogni in competizione, l’ostilità. Quando l’ostilità diventa però una competizione che porta svantaggi alla realizzazione dei bisogni di ciascuno dei contendenti, nasce l’esigenza di una comunicazione allargata e al di fuori del proprio ambito. Qui si evidenzia il problema della comunicazione tra gruppi diversi: codici linguistici, significati e comportamenti comunicativi non sembrano più relazionabili in quanto elaborati in contesti diversi. Trasferendo il modello del gruppo alla realtà delle culture, ancora di più si rende evidente che le culture, in quanto risultato di un più ampio e complesso sistema di valori, comportamenti e linguaggio, sembrino destinate, come nei 5 ivi, p.18

Anteprima della Tesi di Paolo Aragona

Anteprima della tesi: Il dialogo sui diritti umani tra l'Islam europeo e l'Europa della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione, Pagina 5

Tesi di Master

Autore: Paolo Aragona Contatta »

Composta da 146 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 19980 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.