Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ipotesi per uno sviluppo sostenibile: l'agriturismo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1.1 I rapporti tra Stato, Regioni ed Unione Europea Pag. 18 afferma di nutrire stima verso le istituzioni regionali. Il dato è più alto in Valle D’Aosta, dove il 90% dei cittadini è soddisfatta del funzionamento dell’istituzione regionale, nonché in Trentino Alto Adige ed in Emilia Romagna, con l’85% di cittadini appagati. Ben sotto la media sono alcune Regioni meridionali, come la Calabria e la Puglia, dove rispettivamente solo il 43,1 e il 45,8% degli intervistati si dichiara contento dell’operato della Regione. Appare dal sondaggio un’Italia fortemente legata al contesto locale, dato che ben il 90,8% del campione si dichiara orgoglioso di essere cittadino della propria Regione, percentuale di poco superiore al senso di appartenenza all’Italia (88,3%), all’Europa (86,5%) a al Comune (83%). Le istanze pervenute dal basso hanno già portato alla riforma del titolo V della Costituzione e all’elezione diretta dei Presidenti delle Regioni. Per otto italiani su dieci la riforma attualmente più urgente è il federalismo fiscale, tanto è vero che il 34% degli intervistati si dichiara favorevole a pagare le tasse al Comune e il 29,5% alla Regione, mentre solo il 13% è a favore del sistema attuale. Emerge anche una diffusa ignoranza su quali siano esattamente i compiti delle Regioni: un italiano su due (il 52,8%) non sa quali siano le attività svolte da tali enti, e il deficit di informazione potrebbe causare una carenza di fiducia verso l’ente regionale. Il sondaggio conferma un dato di fatto: è il nord Italia, ed in particolare il nord-est, a spingere verso l’evoluzione federalista dello Stato, mentre il centro esprime meno determinazione, pur nutrendo comunque fiducia nelle Regioni. Ed infine c’è il sud, che reclama istituzioni pubbliche più efficienti, poco importa se siano di gemmazione nazionale o regionale. Infine una piccola e piacevole curiosità: di fronte alla richiesta se conservare o cambiare la bandiera italiana l’86% degli intervistati non ha dubbi: meglio il tricolore!

Anteprima della Tesi di Sergio Nichele

Anteprima della tesi: Ipotesi per uno sviluppo sostenibile: l'agriturismo, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Sergio Nichele Contatta »

Composta da 144 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10947 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.