Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La procreazione medicalmente assistita: aspetti psicologici e sessuali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 La fuoriuscita dell’ovocita maturo dal follicolo è dovuta all’aumento dell’ormone luteinizzante “LH” che promuove la luteinizzazione del follicolo. Ciò avviene verso il 14°-16° giorno del ciclo mestruale. L’ovocita espulso presenta un assetto aploide, ovvero contiene 22 autosomi e un cromosoma sessuale ; ciò è derivato da precedenti divisioni mitotiche e meiotiche. A questo punto, il follicolo va incontro ad una serie di modificazioni che lo fanno divenire corpo luteo, il quale funziona come un organo endocrino, fonte principale degli steroidi sessuali, in particolare del progesterone e degli estrogeni. Tale ormone è il responsabile della crescita dell’endometrio, ovvero il tessuto epiteliale che riveste la parte interna dell’utero. La finalità dell’endometrio è quella di permettere l’annidamento dell’ovocita eventualmente fecondato. Le variazioni degli steroidi ovarici, in particolare del progesterone, inducono una serie di modificazioni cicliche. Quattro sono le fasi a cui è soggetto l’endometrio e sono : la rigenerativa, la proliferativa, la secretiva e la mestruale. Nelle prime due fasi, ed in parte anche nella terza, si ha un aumento dello spessore dell’endometrio che è composto da uno strato spugnoso notevolmente irrorato da vasi sanguigni. La restante parte della terza fase, in associazione con la quarta, hanno il fine di disgregare la struttura dell’endometrio tramite l’attivazione di enzimi litici generando quel particolare fenomeno chiamato mestruazione. Il complesso sistema che regola l’attività ormonale è dato dall’asse ipotalamo-ipofisi-gonadi, asse che determina l’attivazione e l’inibizione dei vari ormoni. Riassumendo, all’inizio del ciclo mestruale l’ormone follicolo stimolante in unione con l’ormone luteinizzante promuove la maturazione di alcuni follicoli e la secrezione di estrogeni da parte delle cellule della granulosa. Questi estrogeni, in base alla loro concentrazione plasmatica, possono aver un effetto di retroazione sia positivo sia negativo. Questo feedback giunge all’asse ipotalamo-ipofisi che se è positivo non inibisce l’ormone liberatore delle gonadotropine, il Gn-Rh, con conseguente produzione di FSH e di LH, come ad esempio capita a metà del ciclo quando si ha una forte elevazione di LH, al fine di permettere la formazione del corpo luteo , se invece risulta essere negativo si ha una diminuita produzione di gonadotropine; difatti è

Anteprima della Tesi di Stefano Bernardi

Anteprima della tesi: La procreazione medicalmente assistita: aspetti psicologici e sessuali, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Stefano Bernardi Contatta »

Composta da 112 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11315 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.