Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La responsabilità professionale dell'odontoiatra in ambito protesico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 ospedaliera pubblica implica un rapporto contrattuale con questa. 2 Successivamente è maturato un terzo indirizzo che ammette entrambi i tipi di responsabilità, perché le due forme possono concorrere e vanno ricondotte entrambi alle ipotesi di responsabilità diretta della persona giuridica pubblica, risalendo all’Ente la responsabilità del comportamento lesivo del diritto altrui, tenuto dal medico nell’esercizio delle sue funzioni di dipendente in virtù di un rapporto organico. 3 Inizialmente le ragioni della prevalenza dell’orientamento extracontrattuale, piuttosto che non contrattuale, erano rinvenute soprattutto in due argomentazioni : essere l’attività sanitaria ospedaliera finalità pubblica statuale, ed essere preclusa al paziente la scelta del medico che effettua la prestazione. Alla fine degli anni settanta la Suprema Corte ha optato esplicitamente per la natura contrattuale 4 , fondata sul consenso del paziente al trattamento sanitario e questo 2 Cass. Civ. 25/07/1950 in Responsabilità Civile Previdenziale 1968 pag. 243. 3 Cass. Civ. 13/11/1970, N°2392 in Giurisprudenza Italiana 1971 I pag. 622. 4 Cass. Civ. 21/12/1978 n°6141 in Foro Italiano 1979 I pag. 4.

Anteprima della Tesi di Giovanni Papini

Anteprima della tesi: La responsabilità professionale dell'odontoiatra in ambito protesico, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giovanni Papini Contatta »

Composta da 128 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5714 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.