Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strategie di diversificazione nell'era digitale: il caso Poligrafica San Faustino

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione (interrelazioni intangibili). La diversificazione è conglomerale quando non esistono correlazioni tra le diverse attività, escluse quelle relative alla gestione finanziaria e al management di vertice. Il secondo capitolo sarà dedicato all’analisi delle motivazioni che spingono un’azienda ad intraprendere un processo di diversificazione. La creazione di valore per i soci verrà assunta quale riferimento che dovrebbe ispirare ogni scelta dell’azienda. Partendo da questo riferimento, saranno contrapposte le motivazioni “classiche”, dettate da fini estranei alla creazione di valore (cioè la diversificazione dei rischi, la crescita aziendale, la ricerca del potere di mercato), alle motivazioni orientate ad accrescere il valore dell’azienda per i soci. In particolare, secondo una visione resource-based dell’attività aziendale, si assumono le risorse e le competenze quali unico fattore capace di dare all’azienda un vantaggio nei confronti dei concorrenti e quindi consentire di creare valore a livello aziendale. Le aziende che dispongono di risorse e competenze che possono essere condivise o trasferite a nuove unità di business hanno l’opportunità di intraprendere una strategia di diversificazione correlata potenziale fonte di valore aggiuntivo. Questa condizione non è però sufficiente. Anzitutto è necessario che il settore in cui si intende entrare sia attrattivo: ciò si verifica calcolando il ROE atteso del nuovo settore e confrontandolo con quello del settore di origine. In secondo luogo si deve valutare il costo di ingresso nella nuova attività, considerando l’esistenza di barriere all’entrata presenti in molti business. Infine è fondamentale considerare che le correlazioni tra le attività sono sempre potenziali, e la loro effettiva realizzazione dipende dall’impostazione di un’efficace strategia a livello aziendale.

Anteprima della Tesi di Marco Spranzi

Anteprima della tesi: Strategie di diversificazione nell'era digitale: il caso Poligrafica San Faustino, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marco Spranzi Contatta »

Composta da 275 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2926 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.