Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'uso delle opzioni reali nella risk allocation della finanza di progetto: il caso degli investimenti su infrastrutture autostradali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1. Il Project Finance, La Tecnica finanziaria poi dipenderà dal grado di rischio operativo e dalla situazione dei mercati finanziari. Un elemento di complessità notevole di questi interventi deriva dall’elevato numero di soggetti coinvolti, portatori di interessi spesso in conflitto: gli elevati costi di agenzia possono portare a situazioni sub-ottimali, che riducono il benessere dei singoli soggetti coinvolti e della comunità interessata al progetto. Dal punto di vista della teoria organizzativa, il project financing può essere visto come un nesso di contratti che riducono il potenziale di comportamenti opportunistici. Occorre fin da subito sfatare uno dei preconcetti più diffusi relativi al project financing: solo in casi limite i finanziatori saranno disposti a fare affidamento esclusivamente sui flussi di cassa che il progetto è in grado di generare, senza alcun supporto da parte degli sponsor: in situazioni più realistiche infatti, interverranno garanzie ed impegni tali da consentire il ripagamento del debito anche nel caso in cui i cash flow si rivelassero insufficienti. I finanziatori potranno così rivalersi, in situazioni di default, su particolari asset, sugli stessi sponsor o su terzi, precedentemente individuati. Un intervento di successo in finanza di progetto deve essere strutturato in modo da consentire ai finanziatori solo una limitata possibilità di ricorso sugli sponsor; nello stesso tempo occorre contenere il rischio di credito, individuando le soluzioni più idonee per una ottimale ripartizione dei rischi del progetto, attraverso strutture contrattuali e strumenti finanziari. L’allocazione del rischio deve essere equilibrata, in modo da evitare situazioni patologiche che rischiano di andare a discapito della fiducia dei mercati in questo strumento di finanziamento. Ciò è tanto più importante quanto maggiore è la rilevanza economica e sociale degli investimenti, che la finanza pubblica non può più essere chiamata a sostenere in un contesto dove i limiti di budget si fanno sempre più stringenti.

Anteprima della Tesi di Gabriele Magotti

Anteprima della tesi: L'uso delle opzioni reali nella risk allocation della finanza di progetto: il caso degli investimenti su infrastrutture autostradali, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Gabriele Magotti Contatta »

Composta da 291 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4224 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.