Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'area protetta quale laboratorio di sostenibilità: il caso dell'istituendo Parco del Carso

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 1.4 Il ruolo della pianificazione All’interno di questo modo di concepire il rapporto tra aree protette e perseguimento della sostenibilità si inserisce un argomento di importanza cruciale che investe gli aspetti più pratici del problema: la questione della pianificazione. Va subito detto che uno dei fulcri dell’intera problematica è il rapporto che il Piano del parco naturale deve avere con gli strumenti di pianificazione territoriale ordinaria, nel territorio compreso entro i suoi confini. Premesso che anche in questo ambito si riscontra, tra i diversi Paesi europei, una diversificazione molto marcata, si possono riconoscere al Piano del parco tre funzioni distinte, e precisamente quelle di (Gambino, 1994): 1. Strumento di gestione del parco: il Piano considera le attività di fruizione e soprattutto le attività economiche che interferiscono con il parco e che non possono essere confinate nel suo perimetro. 2. Strumento di controllo degli usi del suolo: si concretizza nella forma della “zonizzazione”, cioè la diversificazione della disciplina nelle diverse parti dell’area. 3. Strumento di giustificazione delle scelte di conservazione e di trasformazione: nel senso che il Piano costituisce la struttura logica e programmatica che giustifica le misure adottate e tenta di rendere partecipi i soggetti che di tali misure sono i destinatari, delle motivazioni dell’adozione delle misure stesse E’ ormai chiaro che quanto più l’area protetta si inserisce in un territorio antropizzato e urbanizzato – e questo, si è visto, è il caso di gran parte dell’Europa – tanto più dovrebbe esistere una interazione tra il Piano del parco e la pianificazione del contesto territoriale in cui la zona protetta è inserita (Piani territoriali, urbanistici, paesistici). In Italia la “legge quadro sulle aree protette”, (L. 6/12/1991 n.394) ha il merito di aver riconosciuto l’importanza della pianificazione come fondamento della difesa dell’ambiente, riflettendo un orientamento di livello internazionale e in netto contrasto con la crisi e la sfiducia verso la pianificazione stessa che aveva caratterizzato soprattutto gli anni Settanta

Anteprima della Tesi di Mauro Carli

Anteprima della tesi: L'area protetta quale laboratorio di sostenibilità: il caso dell'istituendo Parco del Carso, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Mauro Carli Contatta »

Composta da 126 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2114 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.