Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il mobbing - Aspetto psicologico, sociale e legale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 Viene a trovarsi in una condizione di handicap sociale insostenibile per l�azienda stessa. Nella quarta fase si ha l’esclusione dal mondo del lavoro. Le possibilit� pi� diffuse per uscire dal mondo del lavoro sono: - Sviluppo di manie ossessive prevalentemente abuso di droghe, farmaci, alcool, scatenate dal mobbing, ma dovute anche a caratteristiche personali della vittima. La pressione psicologica subita causa un acuirsi dei suoi problemi. - Licenziamento: dimissioni da parte del lavoratore, licenziamento da parte del datore di lavoro, licenziamento a seguito di accordi da entrambe le parti. - Liquidazione: l�azienda offre una somma di una certa entit� alla vittima perch� se ne vada volontariamente. - Lunga malattia: periodi di assenza per malattia superiore ai due mesi, oppure pi� brevi ma ripetuti. - Prepensionamento: dequalificazione della persona in base all�et�. - Trasferimento: per Leymann, quando una vittima viene trasferita in un altro ufficio lontano dai colleghi, forse addirittura in una parte dell�azienda o dell�organizzazione che � decentrata o poco importante, allora siamo di fronte ad un primo atto di espulsione dal mondo del lavoro. Un altro tipo di trasferimento che l�azienda pu� operare � quello di assegnare alla vittima compiti senza senso. - Spostamenti continui: il mobbizzato, sempre a causa del clima ostile che avrebbe creato nel suo ufficio, viene spostato continuamente da un ufficio all�altro o da una filiale all�altra. Questo impedisce di legare con i colleghi, di abituarsi all�ambiente di lavoro, di assumere impegni a lungo termine. - Ricovero in clinica psichiatrica: secondo Leymann (1993) sarebbe la rabbia repressa verso il mobber, combinata con la paura dell�esistenza, a causare al mobbizzato disturbi mentali sempre pi� gravi. - Sviluppo di comportamenti criminali: comprendono azioni verso la persona (aggressioni, tentativi di omicidio, omicidi riusciti�) o verso la propriet� (per lo pi� atti di vandalismo verso i simboli dello status del mobber, come per esempio l�automobile o l�abitazione). - Suicidio: il suicidio della vittima provoca uno shock nell�ambiente di lavoro quasi paragonabile a quello provato dai familiari della vittima. Non � detto che il processo di mobbing segua ordinatamente le quattro fasi descritte. E� possibile anche che la assenza di alcuni fasi modifichino lo stato di mobbing creando delle derivate. Ad esempio se dovesse mancare la prima fase, quella dei piccoli conflitti quotidiani, in questo caso siamo di fronte al cosiddetto bossing cio� un mobbing operato dai superiori o dirigenti dell�azienda che ha quasi sempre lo scopo preciso di indurre il dipendente alle dimissioni. Una definizione altrettanto recente proviene dall�Associazione contro lo stress psicosociale ed il mobbing fondata in Germania nel 1993, secondo cui il mobbing consiste in una comunicazione conflittuale sul posto di lavoro tra colleghi o tra superiori e dipendenti nella quale la persona attaccata viene posta in una posizione di debolezza e aggredita

Anteprima della Tesi di Cinzia Romiti

Anteprima della tesi: Il mobbing - Aspetto psicologico, sociale e legale, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Cinzia Romiti Contatta »

Composta da 91 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7321 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 23 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.