Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La professionalità dell'educatore nella relazione di aiuto ai malati terminali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 – dall’altro come oggetto, confuso con il mondo circostante, fino all’altro come soggetto, uguale all’io, ma da esso diverso, con un’infinità di sfumature intermedie – è possibile trascorrere la vita senza mai giungere alla piena scoperta dell’altro (sempre che ad essa si possa realmente arrivare). Ognuno di noi deve sempre ricominciarla personalmente; le esperienze anteriori non ce ne dispensano, anche se possono insegnarci quali conseguenze comporta il disconoscerne la necessità.” 6 La scoperta dell’altro è un esercizio faticoso, perché mette in crisi l’uomo, richiede l’investimento di energie che non immediatamente rendono chiaro il motivo dell’impresa. Rinnovare continuamente i modi delle proprie relazioni con gli altri e con il mondo comporta il rischio della novità e del mettere in gioco se stessi. Richiede coraggio, porta a galla i sentimenti di paura e insicurezza, perché accettare lo scambio può voler dire entrare in contatto con un “altro” troppo differente e assolutamente insopportabile, o anche che ci siano delle affinità con un qualsiasi altro, che si preferisce considerare alieno. A volte vogliamo difenderci da chi ci è simile, altre volte da chi ci è dissimile; a volte la diversità è così insopportabile che non voglio credere che esista, altre volte è così insopportabile che devo fare di tutto per eliminarla. 6 TODOROV T., La conquista dell’America. Il problema dell’“altro”, Einaudi, Torino 1992, p. 58

Anteprima della Tesi di Paola Margheriti

Anteprima della tesi: La professionalità dell'educatore nella relazione di aiuto ai malati terminali, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Paola Margheriti Contatta »

Composta da 174 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10542 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 30 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.