Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Progetti europei per l'occupazione e politiche sociali in Italia: un valore aggiunto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Vedremo come la povertà rappresenti un fenomeno cumulativo e multidimensionale nel senso che, all’insufficienza del reddito, si accompagnano carenze di altre risorse, dall’istruzione all’accesso ad altri servizi pubblici e privati, mettendo in moto il “circolo vizioso della povertà”. Oggi, concetti quali emarginazione e povertà che una volta si pensavano circoscritte ai barboni ed a una limitata fascia di anziani con difficoltà economiche, si sono ampliati fino ad includere una serie di condizioni oggettive e percezioni soggettive che attraversano orizzontalmente le tradizionali divisioni interne alla società, coinvolgendo classi, status e ruoli differenziati. In questo senso, la povertà può essere letta come uno stato o momento in cui individui e/o gruppi sociali vengono a trovarsi poveri. Essa diventa una condizione temporanea di mancanza di risorse la quale può essere superata con un intervento anch’esso temporaneo. E l’introduzione del Reddito minimo di inserimento in Italia, sostenuto dalla Commissione europea ed il cui ruolo è stato rafforzato dalla legge-quadro 328/2000, è un esempio del passaggio da interventi passivi ad attivi all’interno di un percorso integrato. Nel momento dell’avvio dei progetti Occupazione nel 1994 il soggetto svantaggiato era considerato un individuo incapace di inserirsi nei circuiti professionali e, perciò, si studiavano strumenti che gli consentissero di diminuire lo scarto di competitività tra lui ed i soggetti più forti. Successivamente, grazie anche a riflessioni emerse nell’ambito dell’Iniziativa Occupazione, il mancato inserimento socio- professionale è stato attribuito all’incapacità del sistema di includere tutti gli individui lasciando fuori da esso quelli meno dotati di strumenti di autoaffermazione.

Anteprima della Tesi di Alessia Mirulla

Anteprima della tesi: Progetti europei per l'occupazione e politiche sociali in Italia: un valore aggiunto, Pagina 6

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Alessia Mirulla Contatta »

Composta da 171 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4668 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.