Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Progetti europei per l'occupazione e politiche sociali in Italia: un valore aggiunto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

La sicurezza dell’occupazione è stata storicamente e tradizionalmente una delle premesse più forti del Welfare State 10 , creato per venire incontro alle esigenze dei lavoratori 11 . Il lavoro costituiva la garanzia della sicurezza sociale propria e dei propri familiari. I primi segnali odierni di difficoltà dello Stato sociale sono ravvisabili nel mancato mantenimento della promessa della garanzia universale e permanente di un’occupazione 12 e nell’impossibilità di soddisfare una domanda crescente di nuovi interventi per nuovi bisogni. Nel rapporto tra lavoro e sistema di Welfare la scommessa è che quest’ultimo, ridefinito e riorganizzato, possa rappresentare un motivo per la soluzione della crisi del lavoro e un fattore sinergico per la crescita comune di ambedue i sottosistemi 13 . Le politiche del lavoro, ossia, citando Frey 14 , tutti gli interventi degli organi pubblici in materia di lavoro e dell’occupazione, diventano perciò un luogo cruciale per l’edificazione di un nuovo sistema di Welfare, non solo perché la drammatica questione occupazionale mette a rischio la coesione sociale delle società sviluppate, ma anche per la possibilità di introdurre elementi innovativi rispetto alle concezioni tradizionali delle politiche sociali: tendenziale personalizzazione degli interventi; ricerca di soluzioni locali e mirate; coinvolgimento di una pluralità di attori, oltre alle istituzioni pubbliche, in una logica di collegamento tra gli interventi e di programmazione negoziata; attivazione e responsabilizzazione dei beneficiari; focalizzazione sulla dimensione promozionale invece che garantista e imperniata su provvedimenti assistenziali fini a se 10 Ferrera, M. (a cura di) (1981), Lo stato del benessere: una crisi senza uscita?, Le Monnier, FI. 11 Rizza, S., op. cit. 12 Saiani Parra, P., “Quale valutazione per le politiche attive del lavoro” in AAVV (a cura di Franchi M. e Palumbo M.) (2000), La valutazione delle politiche del lavoro e della formazione, FrancoAngeli, MI. 13 Rizza, S., op. cit. 14 Frey, L. (1996), Le politiche dell’occupazione e del lavoro in Europa, FrancoAngeli, MI, p.39.

Anteprima della Tesi di Alessia Mirulla

Anteprima della tesi: Progetti europei per l'occupazione e politiche sociali in Italia: un valore aggiunto, Pagina 9

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Alessia Mirulla Contatta »

Composta da 171 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4668 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.