Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'evoluzione delle reti di trasporto: da Sonet/Sdh a Dwdm

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 � Storia dei protocolli delle reti di trasporto ___________________________________________________________________________________________________ 16 altro, connettendo fisicamente le due coppie di fili, che venivano poi scollegate al termine della comunicazione. Nei primi quarant�anni del XX secolo gli sforzi si concentrarono per arrivare ad una standardizzazione intercontinentale delle comunicazioni via telefono, per rendere automatiche le centrali e definire un piano di numerazione nazionale ed internazionale. Oggi, in tutto il mondo, la telefonia tradizionale si definisce come Public Switched Telephone Network (PSTN) ([2]). Per tutta la durata di questo periodo di sviluppo della rete telefonica, i segnali analogici generati ed interpretati dagli apparecchi telefonici venivano trasmessi dal cliente alle varie centrali territoriali interessate dal collegamento, per giungere poi ad un altro cliente senza soluzione di continuit� per mezzo di una singola e dedicata coppia di fili in rame. Le coppie di fili in rame venivano raggruppate, come d�altronde si verifica tuttora, in cavi aventi potenzialit� diverse a seconda del loro utilizzo e della loro tipologia di posa (in ogni caso il numero massimo di coppie raggruppabili in un singolo cavo � dell�ordine di alcune migliaia). E�, quindi, facilmente immaginabile come gi� dai primi decenni dello scorso secolo, agli albori dello sviluppo economico di molte nazioni, scatur� il problema delle dimensioni e del numero dei cavi necessari per soddisfare il bisogno crescente di collegamenti, in particolar modo per i cavi che collegavano tra loro centrali di diverse citt� (denominati cavi di giunzione interurbana) e, successivamente, anche per i cavi che effettuavano giunzioni internazionali. Inoltre, per il corretto funzionamento di ogni collegamento, per incrementare al massimo la distanza raggiungibile e per migliorare la qualit� del segnale trasmesso, erano necessari numerosi apparecchi analogici come, ad esempio, amplificatori, equalizzatori, adattatori di carico, ecc.

Anteprima della Tesi di Enrico Ceretto Giannone

Anteprima della tesi: L'evoluzione delle reti di trasporto: da Sonet/Sdh a Dwdm, Pagina 12

Diploma di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Enrico Ceretto Giannone Contatta »

Composta da 121 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2430 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.