Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'evoluzione delle reti di trasporto: da Sonet/Sdh a Dwdm

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1 � Introduzione a SONET/SDH ___________________________________________________________________________________________________ 8 una domanda costantemente in ascesa, vengono realizzate fibre con attenuazione anche inferiore a 0,2 dB al chilometro. In aggiunta a ci�, l�elevatissima frequenza dell�onda luminosa che funge da portante del segnale trasmesso rende possibili modulazioni con bande estremamente larghe e, quindi, sono realizzabili sistemi aventi notevoli capacit� di trasmissione, neanche lontanamente paragonabili a quelle raggiungibili con collegamenti su cavi in rame. A titolo di esempio, un collegamento effettuato con il classico doppino in rame pu� raggiungere un bit-rate che oscilla fra uno ed una decina di megabit al secondo, a seconda della tecnologia impiegata, mentre con l�adozione della fibra ottica non � difficile arrivare addirittura ad alcune decine di gigabit al secondo. Non vanno, inoltre, trascurati altri due fattori decisamente nuovi e migliorativi rispetto ai cavi tradizionali. Il primo � l�insensibilit� dei sistemi in fibra ottica ai disturbi elettromagnetici, problema oggigiorno pi� che mai attuale per l�abbondanza di emissioni ad ogni frequenza. Questo aspetto positivo permette di impiegare le comunicazioni ottiche anche in ambienti notoriamente inaccessibili per problemi di incompatibilit� elettromagnetica. Il secondo fattore � la protezione garantita da questo mezzo fisico, perch�, al contrario di quanto pu� avvenire con qualsiasi tipo di cavo in rame utilizzato per la trasmissione di dati sotto forma di segnali elettrici, il cavo a fibre ottiche ([4]) non � soggetto a derivazioni non autorizzate che abbiano come scopo la sottrazione di dati, pena l�interruzione del collegamento. Inoltre il cavo in fibra ottica non emette radiazioni elettromagnetiche che possono essere captate dall�esterno con ricevitori radio. Questi risultati, insieme al contemporaneo sviluppo dei dispositivi optoelettronici, hanno consentito di realizzare sistemi trasmissivi con caratteristiche eccezionali e ricchi di interessanti promesse per il futuro delle moderne telecomunicazioni. In figura 1.1, (tratta da [2]), � mostrata, a titolo di esempio, la composizione del cavo in fibra ottica Pirelli PKH9E, realizzato con nucleo a cinque cave per una capacit� complessiva di 50 fibre. La fune interna, denominata

Anteprima della Tesi di Enrico Ceretto Giannone

Anteprima della tesi: L'evoluzione delle reti di trasporto: da Sonet/Sdh a Dwdm, Pagina 4

Diploma di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Enrico Ceretto Giannone Contatta »

Composta da 121 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2427 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.