Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sinergie tra ufficio stampa e ufficio relazioni con il pubblico nella comunicazione della pubblica amministrazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

mezzi propri o classici. • Comunicazione sociale: promossa da istituzioni e pubbliche amministrazioni; da soggetti autonomi, enti associativi, collettivi, privati a carattere di non-profit. Questa definizione di Comunicazione Pubblica può apparire talvolta come una definizione-contenitore che al suo interno racchiude le varie attività, esternazioni, processi e percorsi che abbiano come fonte una qualsiasi P.A.. A ben guardare nell’accezione di Comunicazione Pubblica che interessa questo ambito sono assenti i profili economici e di tutela di interessi privatistici e di parte. Anzi, la peculiarità è proprio il suo essere un atto dovuto, di cui il cittadino ha bisogno/diritto, su cui può informarsi, reclamare, ottenere attenzione e risposte. E’ da questa spinta alla cultura del servizio 5 e alla trasformazione verso una mentalità customer oriented, che nascerà proprio nella prima metà degli anni novanta (grazie alla normativa in materia che verrà approfondita più avanti) l’esperienza degli U.R.P. (Uffici per le Relazioni con il Pubblico) che in questa sede verrà approfondita.

Anteprima della Tesi di Valentina Cagnacci

Anteprima della tesi: Sinergie tra ufficio stampa e ufficio relazioni con il pubblico nella comunicazione della pubblica amministrazione, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Valentina Cagnacci Contatta »

Composta da 164 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5647 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 23 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.