Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli aspetti economici dell'impresa cooperativa e le sue potenzialità di sviluppo nel Mezzogiorno: il caso della cooperativa ''Giustizia e libertà''

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

16 2 Il concetto economico della cooperazione 2.1 Alcune teorie economico-organizzative La cooperazione trova fondamento non solo in una serie di vicende storiche e politiche che ne hanno caratterizzato la nascita e lo sviluppo, ma anche in una forte connotazione economica e soprattutto organizzativa. La teoria economica classica ha sempre considerato l’impresa cooperativa come un’organizzazione inefficiente perché, in una sorta di meccanismo di “selezione naturale darwiana”, emergerebbe l’impresa for profit capace di realizzare un’allocazione delle risorse produttive in maniera più efficiente 14 . Inoltre, la teoria neo-istituzionalista evidenzia che la struttura dei diritti di proprietà dell’impresa cooperativa realizza la c.d. “inefficienza tecnica”: mancando un capitalista titolare del surplus realizzato, i lavoratori sarebbero incentivati ad adottare comportamenti che limitano lo sforzo produttivo individuale. Recenti verifiche empiriche 15 hanno però dimostrato come, a determinate condizioni e sotto l’influenza di particolari elementi di natura “sociale”, è possibile identificare l’esistenza di vantaggi comparati delle imprese cooperative. Si verificherà, infatti, in che modo si possono ridurre i fenomeni di free-rider, in termini di diminuzione di opportunismo individuale a vantaggio della collettività, un problema che, negli ultimi anni, affligge anche le imprese private. Inoltre, considerando la tipica struttura organizzativa dell’impresa cooperativa, e utilizzando apposite teorie a tal uopo formulate, si evidenzierà la possibilità di: 1) risolvere problemi di asimmetrie informative (in termini di adverse selection e moral hazard); 2) ridurre i costi di transazione legati all’incompletezza dei contratti e alla specificità delle risorse; 14 Pantaleoni, infatti, accusava le cooperative di trasformarsi in “organismi chiusi che riservano a se medesimi i benefizi di cui sono fecondi”. Citato da Angeli F. (1992), Cooperazione benessere e organizzazione economica, Franco Angeli Editore, pag.7. 15 Si tratta, in effetti, di dati di fonte Confcooperative e Legacoop relativi ognuno ad un campione di imprese loro affiliate.

Anteprima della Tesi di Rita Stoto

Anteprima della tesi: Gli aspetti economici dell'impresa cooperativa e le sue potenzialità di sviluppo nel Mezzogiorno: il caso della cooperativa ''Giustizia e libertà'', Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Rita Stoto Contatta »

Composta da 199 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2787 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.