Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli aspetti economici dell'impresa cooperativa e le sue potenzialità di sviluppo nel Mezzogiorno: il caso della cooperativa ''Giustizia e libertà''

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 Si può affermare, quindi, che la cooperazione assumeva configurazioni diverse secondo le singole realtà nazionali, ma con un unico orientamento comune: migliorare le condizioni di vita di quell’ampia fascia della popolazione collocata ai margini della società e che sentiva l’esigenza di emergere e di migliorarsi. 1.2 La diffusione e lo sviluppo della cooperazione in Italia Lo sviluppo del movimento cooperativo italiano presenta caratteristiche del tutto particolari rispetto agli altri Paesi europei. In primo luogo, è opportuno evidenziare il ritardo della sua diffusione, legato alle vicende riguardanti l’unificazione politica, alla precaria situazione economico- sociale, causata in primis da un altrettanto ritardato sviluppo industriale, ed infine all’assenza di norme a tutela della cooperazione; in secondo luogo, le origini del fenomeno si legano al c.d. “movimento associativo di classe” 7 . All’epoca dell’unificazione, l’Italia era ancora considerata un paese prevalentemente agricolo; le prime industrie, nate in Lombardia ed in Piemonte, realizzavano essenzialmente prodotti artigianali, pertanto l’uso delle macchine era molto limitato; inoltre, anche lo sviluppo del movimento operaio si caratterizzava per un certo grado di arretratezza 8 . La prima cooperativa di consumo risale al 1854: situata a Torino e promossa dall’“Associazione generale degli operai”, fu costituita per fronteggiare gli effetti della carestia, attraverso la vendita di merci a prezzo di costo. La prima cooperativa di produzione fu fondata ad Altare (GE) su iniziativa di operai e vetrai e tra il biennio 1864-1866 furono costituite diverse cooperative di consumo di tipo rochdaliano, quali l’“Alleanza cooperativa” di Sampierdarena e l’unione cooperativa di Milano. 7 Si veda Muzzioli, (1999), op. cit.. 8 Per un ulteriore approfondimento si veda Degl’Innocenti M., (1977), Storia della cooperazione in Italia 1866-1925, Editori Riuniti.

Anteprima della Tesi di Rita Stoto

Anteprima della tesi: Gli aspetti economici dell'impresa cooperativa e le sue potenzialità di sviluppo nel Mezzogiorno: il caso della cooperativa ''Giustizia e libertà'', Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Rita Stoto Contatta »

Composta da 199 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2787 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.