Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I confidenti della polizia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 comparire come testimoni in giustizia e deporre di sapere con certezza che l’accusato era autore del delitto obiettandogli per essersi ciò a loro narrato da persone di ottima fede che erano stati testimoni di vista e partecipi del delitto medesimo; ma non potere far palese il nome di quei fiduciari, né produrli per conseguenza come testimoni. Con tale metodo gli agenti di polizia ebbero balia per rovinare impunemente la riputazione di ogni onesto cittadino. La giustizia non ha simpatia per le maschere e non si pasce di tenebre” 4 . La dottrina concordava con quest’ultimo indirizzo giurisprudenziale, rilevando fra l’altro che il segreto, con l’avere per oggetto la circostanza rivelata, e non il fatto dalla rivelazione, non poteva essere invocato per l’accessorio (la fonte) se non si riteneva di avvalersene per il principale (la notizia rivelata), altrimenti, non si sarebbe consentito al giudice il controllo sulla verità delle deposizioni. L'art. 246 comma 2° del codice del 1913 -stabilendo che "i pubblici ufficiali non debbono esporre notizie raccolte da persone i cui nomi non credono di manifestare al giudice"- risolse sul piano legislativo le precedenti dispute, pur non andando esente da ulteriori critiche: il fatto che il pubblico ufficiale fosse libero di tacere non solo il nome del <>, ma anche la notizia rivelata, indusse ad affermare che in tal modo si lasciava il teste <> di occultare le prove utili al processo e, quindi di frapporre <> (Cass.29 ottobre 1920). 4 Carrara, Programma del corso di diritto criminale, parte generale, vol.II, 1907, pag.488

Anteprima della Tesi di Mauro Aguda

Anteprima della tesi: I confidenti della polizia, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Mauro Aguda Contatta »

Composta da 142 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4908 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.